Scuola: attenzione ai concorsi a premi


Il Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano (Ctcu) mette in guardia direttori, insegnanti e genitori sulle eventuali offerte di concorsi, progetti e altre proposte di aziende e banche, fatte al solo e unico scopo di entrare in possesso dei dati personali di alunni e studenti minorenni. Spesso, infatti, dietro alla promessa di vincite a giochi, concorsi a premi, le offerte nascondono fini di carattere prettamente commerciale e di fidelizzazione dei giovani possibili clienti.

All’associazione sono pervenute da parte di alcuni insegnanti e genitori numerose conferme riguardo il fatto che negli ultimi anni le banche sono particolarmente attive nelle scuole di ogni ordine e grado, con la proposta di concorsi a premi, progetti e altre offerte: “Il solo fine è quello di catturare i dati di giovani a cui sottoporre più tardi offerte commerciali, quali l’apertura di conti correnti e altri prodotti bancari”.

“Quello della sponsorizzazione delle scuole da parte di banche ed aziende, dell’accesso ai dati personali di alunni e studenti e dell’utilizzo di forme di pubblicità occulta verso gli stessi, anche all’interno delle scuole, è un fenomeno sul quale porre molta attenzione e sul quale sia il personale insegnante che i genitori devono vigilare – afferma Walther Andreaus,

direttore del Ctcu -. In questo senso va ampliata anche la formazione consumeristica nelle scuole e i programmi di studio dovrebbero prevedere anche il miglior comportamento da tenere nei confronti dei sempre più sofisticati messaggi pubblicitari delle aziende”.

Per maggiori informazioni:

Ctcu


Potrebbero interessarti anche