Un altro pannolino è possibile


Un pannolino, un assorbente igienico: prodotti di uso quotidiano, apparentemente anonimi, ma particolarmente inquinanti. Ogni anno, solo in Europa occidentale, vengono prodotti 24 miliardi di assorbenti igienici: una volta utilizzati e gettati, in termini di volume, equivalgono ad un grattacielo di rifiuti, alto 200 metri, con una base larga quanto un campo da calcio. Lo stesso discorso per i 22 miliardi di pannolini, ma il grattacielo questa volta è alto 800 metri. Per quanto poi riguarda la produzione, ogni Kg di polypropilene utilizzato nei prodotti convenzionali causa l’emissione di 8 Kg di Co2 in atmosfera, mentre per un chilo di Pla le emissioni si aggirano intorno ad 1 Kg.

L’argomento verrà trattato – venerdì 28 ottobre, ore 18.00-21.00, presso la Città dell’Altra Economia, Largo Dino Frisullo, Roma Campo Boario – con:

– Marco Benedetti, direttore di WIP

– Federica Rosato, gruppo di acquisto solidale CamBioLogica

– Marina Russo, gruppo di acquisto solidale GAOS (Gruppo di Acquisto e Offerta Solidale)

Per informazioni:

Città dell’Altra Economia

GAOS

WIP


Potrebbero interessarti anche


  • Amaori

    Sono una mamma di una bimba di 10 mesi di nome Anna e lavoro come educatrice di asilo nido. Da sempre molto attenta all’ambiente e ai prodotti utilizzati per la mia piccola. DUrante la gravidanza mi sono dedicata per molto tempo alla scelta dei pannolini più adatti, visto che per esperienza lavorativa mi ero resa conto che la maggior parte dei pannolini comunemente trovati in commercio provocano allergie, danni alla salute della zone genitale dei neonati e non di meno sono altamente inquinanti. La mia scelta alla fine è ricaduta su, in parte pannolini lavabili e in parte su gli usa e getta Moltex (tedeschi). Questi ultimi sono biodegradabili all’80%, non sono sbiancati e sono privi di qualunque sostanza tossica, e hanno un ottima tenuta (dettaglio non trascurabile per una mamma).
    Ho provato volentieri anche gli altri pannolini ecologici, quelli appunto menzionati dal vostro articolo, fatti principalmente di amido di mais, tuttavia non posso dire di essermi trovata bene, in quanto tendono a non trattenere molto nè pipì, ne le feci liquide, forse proprio a causa delle loro caratteristiche di materiali. Infine sono piuttosto costosi, una cofezione da circa 20 pannolini o poco più si va sui 17 euro….una spesa non trascurabile se pensiamo alla quantità di pannolini utilizzati in una sola giornata, mediamente 5-6.
    Credo che questi pannolini abbiano splendide possibilità di impiego…ma vanno migliorati …e forse migliorati sul prezzo. Grazie infinite Amaori

  • Barbara

    Sono una mamma di un bimbo di 11 mesi ed ho sempre finora utilizzato pannolini biodegradabili.
    Durante la gravidanza ho fatto un po’ di ricerche e gli unici che ho trovato sono i MOLTEX OKO (Tedeschi): mi sono trovata benissimo, sono sicuri, trattengono molto e non arrossano affatto la pelle del piccolo.
    L’unico neo è il prezzo: 15 € per una confezione di 42 pezzi..mentre gli Huggies costano quasi la metà!
    ma ci tengo troppo all’ambiente e al mio bambino per qualche euro! si riesce a risparmiare comprando meno omogeinizzati e preparando un po’ di sano cibo fatto in casa.