22 marzo giornata mondiale dell’acqua


La Giornata Mondiale dell’Acqua cade regolarmente ogni 22 marzo. Le Nazioni Unite invitano le nazioni membri a dedicare questo giorno a espletare le raccomandazioni raggiunte con l’assemblea generale e alla promozione di attività concrete all’interno dei loro Paesi. Con la coordinazione del dipartimento degli affari sociali e economici delle Nazioni Unite, il giorno internazionale dell’acqua 2005 determinò l’inizio di una seconda decade internazionale delle Nazioni Unite dedicata all’azione per l’acqua.

In aggiunta agli stati membri, una serie di associazioni non governative hanno utilizzato il giorno internazionale per l’acqua come un momento per sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla critica questione dell’acqua nella nostra era, con occhio di riguardo all’accesso all’acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici. Ogni tre anni dal 1997 il “Consiglio internazionale dell’acqua” ha coinvolto migliaia di persone nel World Water Forum durante la settimana in cui cadeva il giorno internazionale dell’acqua. Le agenzie promotrici e le organizzazioni non governative hanno messo in luce il fatto che un miliardo di persone non hanno accesso all’acqua pulita e la struttura patriarcale, dominante in certi Paesi, che determina la priorità nella fruizione dell’acqua disponibile.

Un momento per riflettere su come questo bene sia prezioso e come spesso lo ignoriamo: questa risorsa sta diventando sempre più oggetto di conflitti tanto da guadagnarsi il soprannome di “oro blu”.

L’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale della Laguna di Venezia ha istituito nel 2004 un Fondo chiamato “Acqua Bene Comune” per finanziare progetti in Africa e in America Latina con lo scopo di favorire l’accesso all’acqua potabile e di migliorare le condizioni igienico sanitarie delle comunità locali che vivono in condizioni di grande rischio.


Potrebbero interessarti anche