Latte artificiale gratis alle mamme piemontesi

La decisione è stata presa dalla Giunta regionale, che ha inserito il provvedimento nel progetto “Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno: verso una Regione amica di mamma e bambino”, che da 10 anni coordina le attività dei molteplici servizi per la tutela materno-infantile del Piemonte.

La fornitura sarà garantita alle donne che, previa certificazione del pediatra del punto nascita o del medico di medicina generale che controindichi l’allattamento al seno, rientrano in una delle situazioni definite dall’Organizzazione mondiale della sanità: HIV o HTLV sieropositive, in Aids conclamato, affette da cancro mammario, psicosi post-partum, herpes bilaterale al capezzolo o epatite in fase acuta, tossicodipendenti, alcoliste o che assumono permanentemente farmaci controindicati in gravidanza.

La fornitura gratuita sarà erogata dall’azienda sanitaria di competenza per sei mesi e l’importo dipenderà dal tipo di sostituto del latte materno prescritto dal pediatra nelle quantità appropriate al singolo bambino. L’Asl potrà attivare la fornitura diretta, anche in accordo con i medici del territorio. La delibera prevede inoltre il completamento della formazione capillare degli operatori a contatto con mamma e bambino, la diffusione delle banche del latte, l’attivazione dei Punti di sostegno all’allattamento nei consultori in collaborazione con i pediatri di libera scelta.

Per maggiori informazioni:

Regione Piemonte


Potrebbero interessarti anche