Obeso un quinto degli adolescenti europei

Oltre un quinto degli adolescenti europei è in sovrappeso od obeso, e pochi tra loro seguono i consigli alimentari sul consumo di frutta e verdura. Questi sono solo due dei risultati del progetto HELENA (‘Healthy lifestyle in Europe by nutrition in adolescence’) finanziato dall’UE.

Per meta’ degli adolescenti oggetto di studio, piu’ del 35 per cento dell’apporto energetico totale era composto da grassi. Il progetto Helena tuttavia non si e’ limitato a mettere a fuoco il problema, ma ha anche ideato strumenti per promuovere stili di vita sani e ne ha testato l’effetto sul comportamento degli adolescenti. Gli studi hanno mostrato che interventi trimestrali computerizzati hanno avuto come risultato un miglioramento della dieta (specie in termini di consumo d’acqua, di fibre e di verdura) ed una maggiore attivita’ fisica. I partner del progetto stanno anche lavorando in stretta collaborazione con i settori industriali per creare merendine sane, che piacciano ai teenager. La barretta ai cereali, l’hamburger a basso contenuto di grassi e la bevanda ai cereali integrali che ne sono nati saranno condivisi con l’industria alimentare.

Sempre a proposito di obesità in questi giorni in Francia medici e scienziati sono scesi in campo contro gli spot dei cibi grassi trasmessi in tv durante i programmi per i bambini. E così 150 personalità del mondo scientifico hanno firmato una lettera aperta a sostegno del ministro della Sanità d’oltralpe, Roselyne Bachelot, che sta lavorando per ottenere l’impegno all’autoregolamentazione delle aziende produttrici.

Il ministro aveva proposto una concertazione per ottenere regole di autodisciplina sulla pubblicità nelle ore di programmazione destinate ai più piccoli. Ma i rappresentanti dell’industria alimentare si sono rifiutati di partecipare alle riunioni organizzate. Le personalità del mondo medico, però, difendono la proposta del ministro perchè “si basa su numerosi dati scientifici che dimostrano gli effetti deleteri sui comportamenti alimentari dei bambini della promozione dei prodotti alimentari a forte concentrazione energetica (prodotti dolci, salati, o grassi)”. La Società francese di sanità pubblica ha lanciato anche un appello via Internet per raccogliere firme a sostegno dell’iniziativa ministeriale.

Per maggiori informazioni:

Progetto Helena


Potrebbero interessarti anche