Un mese senza plastica: ecco come fare


Qualche appassionato di vecchi film ricorderà bene una scena de “Il laureato” quando Dustin Hoffman viene avvicinato da un amico del padre che vuole suggerirgli il segreto del nuovo business del futuro e gli sussurra quasi sottovoce “…la plastica…”.

Sono passati più di 40 anni da quel film ed ora noi stiamo paradossalmente cercando il modo per eliminare la plastica dalla vita di tutti i giorni per i suoi effetti devastanti sull’ambiente. Vivere senza plastica è praticamente impossibile oggi: tutti gli oggetti di uso comune sono ormai costituiti di questo materiale. Lo sa bene la giornalista inglese che sta provando a vivere per un mese senza acquistare nulla che contenga plastica.

La sua sfida più grande è proprio quella dei pannolini per il suo bambino di 18 mesi: praticamente tutti i pannolini in commercio, anche quelli biodegradabili, contengono una piccola percentuale di materiale plastico. Anche i pannolini lavabili hanno nelle loro mutandine in microfibra, la plastica. L’unico modo per liberarsi di questo materiale è acquistare, oltre al pannolino di stoffa, un copripannolino di lana, di cui la nostra giornalista, nonostante i molti dubbi iniziali, si ritiene alla fine molto soddisfatta visto che il suo bambino può trascorrere l’intera notte asciutto e senza irritazioni.

L’altra alternativa a cui la giornalista arriva sarebbe un’educazione precoce al vasino, una bella sfida per i neogenitori!

Ecco il diario (in inglese):

Blog “Un mese senza plastica”


Potrebbero interessarti anche