Nei piccoli ospedali un cesareo ogni due parti


Nelle strutture con meno di 300 parti l’anno si tocca addirittura il 50% dei cesarei, “che scendono al 5-10% negli ospedali con oltre i 300 parti l’anno”. Lo ha dichiarato Ferruccio Fazio, sottosegretario al Welfare. “Essendo poco attrezzati ad ogni minimo dubbio scelgono il cesareo, mentre non dovremmo superare il 20-25% di parti cesarei totali per questo stiamo riorganizzando la rete, e’ un punto caldo del nostro programma”, ha detto Fazio intervenendo all’ospedale Bambino Gesu’ di Roma, alla presentazione dei risultati del progetto Euro-Peristat, ‘La salute materno infantile in Europa’. “In Italia il 66% dei punti nascita non raggiunge i 1.000 parti annui e scendere sotto i 500, numero che l’Oms indica come numero minimo dei parti, puo’ diventare molto pericoloso”, ha continuato il sottosegretario sottolineando che i piccoli centri, “seppur contro la loro volonta’, devono confluire in strutture piu’ grandi”.


Potrebbero interessarti anche