Vietato allattare su Facebook


Indignata e offesa fonda un gruppo con lo slogan “Hey Facebook, breastfeeding is not obscene!” Allattare non è osceno! E il 27 dicembre invita tutti gli utenti a pubblicare sul profilo una foto di allattamento. In poco tempo il gruppo contro la censura arriva ad oltre 160.000 iscritti. Secondo Heather Farley, una delle promotrici della manifestazione, la rimozione di quelle foto costituirebbe «un atto discriminatorio nei confronti di coloro che decidono di allattare al seno, visto che l’allattamento artificiale non subisce censura. Ed è anche un problema di salute pubblica».

Le mamme discriminate si sentirebbero infatti incoraggiate a passare all’allattamento artificiale. Facebook avrebbe così sulla coscienza anche la salute dei pargoli, visto che, è cosa nota, è consigliato sempre un allattamento naturale ove possibile. L’OMS ha anche fissato degli standard minimi al riguardo, e gli Usa ne sono ben lontani. «Il divieto di postare certe foto fa passare l’idea che sia una pratica scandalosa, disincentivandola» dice la Farley.

Il quartier generale di Facebook dichiara che le censure sul social network avvengono solo su segnalazione degli utenti e le foto censurate avevano secondo loro un contenuto provocatorio esplicito e contenevano immagini dell’intero seno. Nessuna deroga quindi per Facebook che rimane sulla sua posizione.

La risposta italiana alla censura viene da Tiziana Catanzani e Alessandra Di Pietro, autrici rispettivamente di “Allattare un gesto d’amore” e di “Madri selvagge”, che lanciano il loro appello “Libere di allattare, anche su Facebook” e invitano gli iscritti, oltre 700 in continuo aumento, a pubblicare come foto del loro profilo un’immagine di una donna che allatta.

Il link al gruppo americano contro la censura per chi ha un profilo su Facebook http://www.facebook.com/photo.php?pid=280634&id=1059700433#/group.php?gid=2517126532

Il link al gruppo italiano

http://www.facebook.com/group.php?gid=42377586148

Per veder il sito americano con le foto censurate clicca qui.


Potrebbero interessarti anche