Le aziende alimentari danno scacco ai genitori in 5 mosse

Secondo un recente rapporto della British Heart Foundation (BHF) , le strategie di vendita adottate dalle industrie del settore alimentare – che, ricorrendo a scappatoie legali, lanciano messaggi ingannevoli sulla salubrità di certi prodotti ad elevato contenuto di grassi, zuccheri e sodio – risultano ingannevoli nei riguardi dei genitori.

Il rapporto, redatto dalla Food Commission per conto della BHF e primo nel suo genere, illustra nello specifico le modalità con cui i prodotti per la colazione e la merenda dei bambini vengono proposti ai genitori.

Questo studio rivela le cinque principali tecniche utilizzate dalle aziende alimentari per far breccia nelle paure e nelle aspirazioni dei genitori, manipolandone lA capacità di operare le scelte più idonee per la salute dei figli. Eccole elencate:

Dichiarare la qualità onde nascondere i reali valori nutrizionali. Ad esempio, le Barrette Cereali & Latte Kellogg’s Coco Pops sono definite “la scelta migliore per uno spuntino leggero” e sulla confezione l’immagine dell’uva e di un sandwich integrale rafforza l’idea di uno snack sano. In realtà le barrette hanno un elevato contenuto di zuccheri – 41g per 100g di prodotto – ma per meglio depistare i genitori viene riportato il fabbisogno nutrizionale giornaliero di un adulto.

Dichiarare un singolo principio nutrizionale onde distrarre il genitore dal quadro completo. Ad esempio, sulla confezione del Dairylea [formaggio tipo Philadelphia]si legge “senza coloranti, conservanti e aromi artificiali” ma con un morso si arriva a coprire quasi un terzo della quota massima giornaliera di grassi saturi prevista per un bambino.

Dichiarare un singolo beneficio per la salute è un altro sistema ingannevole. La pubblicità dei cereali Nestlè e delle cannucce Nesquik apparsa sulla rivista Sainsburys sosteneva che tali prodotti contribuiscono a “mantenere sane e forti le ossa dei [vostri] bambini”, regalando loro un “risveglio pieno di energia”. Non veniva fatto alcun riferimento ai 58,9g di zucchero nascosti in 100g di cannucce magiche alla fragola Nestlè.

Far presa sulle emozioni empatizzando con le difficoltà normalmente incontrate dalle madri nella gestione di una famiglia. Nella pubblicità del Deluxe Boneless Box [menu a base di filetti di pollo impanati], la KFC fa leva sul problema delle mamme che chiedono il contributo dei figli nelle faccende domestiche, mostrando alcuni bambini che riordinano volontariamente dopo aver consumato il pasto in questione.

Utilizzare immagini simboliche per far presa sul genitore ed ingannarlo più facilmente. La pubblicità dell’Aberdeen Angus Mini-Burger al formaggio proposto da Burger King mostra l’immagine di una mamma possente che dichiara “la battaglia per il pranzo è terminata”. L’energica madre, ricoperta di utensili da cucina, invia il messaggio di un pasto sano come quelli fatti in casa, ma in realtà l’Angus Mini Burger al formaggio di BK contiene più di un quinto della quota massima giornaliera di grassi saturi prevista per un bambino.

Il rapporto redatto dalla Food Commission fa parte della campagna “Food 4 Thought” [nutrirsi con intelligenza] promossa dalla BHF per combattere l’obesità infantile, allarme sanitario a lungo termine oggi sempre più stringente. Secondo le ultime statistiche, si prevede che entro il 2050 i due terzi della popolazione infantile sarà in sovrappeso o obesa, e che le attuali giovani generazioni saranno le prime ad avere un’aspettativa di vita inferiore a quella dei genitori (1).

Il rapporto inoltre denuncia come le aziende del settore alimentare sfruttino le incongruenze insite nella normativa, per cui se i prodotti ad elevato contenuto di grassi, zuccheri e sodio non dovrebbero essere pubblicizzati durante la messa in onda di programmi per l’infanzia, solo una delle venti trasmissioni più seguite dai bambini si attiene al divieto. Genitori e figli in giovane età sono costantemente bombardati da messaggi pubblicitari fuorvianti messi in onda durante i programmi di prima serata quali X Factor, senza dubbio seguito da un pubblico giovane (2).

La BHF ha così presentato al governo la proposta di vietare la messa in onda di spot che promuovano cibo-spazzatura prima delle 21, onde non esporre bambini e genitori a messaggi ingannevoli. Ha inoltre insistito sulla necessità di una normativa più coerente riguardo la promozione del cibo-spazzatura attraverso i media, e sull’obbligo di etichettatura dei prodotti alimentari onde consentire ai genitori di conoscere il valore nutrizionale dei prodotti acquistati per i propri figli.

Peter Hollins, Direttore Generale della BHF, commenta:

“È chiaro che le aziende alimentari, per la vendita di prodotti ad elevato contenuto di grassi, zuccheri e sodio, fanno leva sui genitori ricorrendo ad ogni possibile scappatoia legale onde inventare tattiche sempre nuove per allettare bambini e genitori stessi. “Ci siamo rivolti direttamente al governo affinché venga rigorosamente limitata la vendita di prodotti insalubri e perché si adotti un’etichettatura chiara e coerente; abbiamo altresì invitato i genitori ad unirsi a noi nella campagna promossa contro le strategie di mercato che consentono alle aziende di prenderli in giro. Un bambino obeso sarà quasi sicuramente un adulto obeso, con gravi ripercussioni sul futuro tasso di patologie cardiovascolari. Sta a tutti noi fare qualcosa perché ciò non avvenga”.

Natasha Hamilton, cantante della nota girl band Atomic Kitten e testimonial della campagna per il 2008 rivela: “Come mamma, sto sempre molto attenta alla salute e al benessere dei miei bambini.

“Abbiamo una grossa responsabilità nella costruzione del futuro dei nostri figli, ecco perché ho insegnato loro sin da piccolissimi l’importanza di una dieta equilibrata e che il cibo-spazzatura è concesso solo in rare occasioni. Sta a noi genitori mobilitarci sin da subito per la tutela della salute e del benessere dei nostri figli”.

Per scaricare o ordinare il rapporto completo clicca qui

Per saperne di più sulla campagna “Food4Thought” clicca qui

Per ulteriori informazioni contattare l’ufficio stampa della BHS allo 0044 207554 0164 oppure allo 0044 7764 290381 (fuori dagli orari d’ufficio)

Note

(1) Tackling Obesities: Future Choices, Foresight Report, ottobre 2007

(2) Government must switch on to TV ad failings, says Which?, comunicato stampa del 19 settembre 2008: http://www.which.co.uk/press/press_topics/campaign_news/food/barb_571_156546.jsp

——————————-

Articolo tratto da http://www.bhf.org.uk/news_and_campaigning/press_office/latest_news__views/food_commission.aspx – Traduzione di Beatrice Cerrai


Potrebbero interessarti anche