L’Angolo della Poppata alla Fiera Internazionale del Libro di Torino: un successo per piccoli e grandi!


Alla Fiera Internazionale del Libro di Torino, conclusasi il 18 maggio scorso, più di 500 mamme hanno potuto usufruire di uno spazio tutto per loro e i propri bambini!

L’Angolo della Poppata, un’iniziativa de Il leone verde Edizioni e dell’associazione La Luna di Latte, è stato un vero successo per le mamme che si sono potute riposate allattando su comodi divani bianchi, sorseggiando una tisana, consultando la collana de Il bambino naturale e altri libri dedicati alla genitorialità e accogliendo preziosi consigli da ostetriche e infermiere.

Ma anche per i papà e i nonni che, riposandosi dal caos della Fiera, hanno giocato con i bimbi più grandi nello spazio a loro dedicato con cuscinoni e libretti da sfogliare; e infine per i più piccolini che potevano essere cambiati in un luogo igienico e tranquillo e riaddormentarsi dopo una tranquilla poppata!

Nelle ore dei pasti l’Angolo della Poppata si è trasformato in un piccolo asilo e dormitorio con bebè allattati, nonne che dormivano con i nipotini sui divani, bimbi alle prese con le prime pappe con il cucchiaino e altri che giocavano scalzi sui tappetoni: “Sembra d’essere in un altro Paese, dove c’è più rispetto per gli altri, e per i più piccoli”, scrive mamma Annalisa.

Molte mamme hanno lasciato scritto che se non avessero trovato l’Angolo della Poppata sarebbero uscite e tornate a casa; in questo modo invece hanno potuto fermarsi in Fiera molto più a lungo. Altre addirittura sono ritornate in Fiera proprio perché sapevano che potevano contare sull’Angolo della Poppata!

Alcuni commenti scritti lasciati dalle mamme:

“Meno male che qualcuno pensa ai bimbi e genitori qui in ….in mezzo ai libri, grazie!” – Antonella

“Grazie mille per questo “angolo” in cui ci siamo sentiti accolti” – Ilaria

“Lo scorso anno, quando mi sono trovata a cambiare il pannolino a mio figlio su una sedia mi sono chiesta perché non ci fosse uno spazio così! Da rifare ogni anno, complimenti!” – Rosita

Arrivederci al prossimo anno!


Potrebbero interessarti anche