L’allattamento artificiale può compromettere la salute del neonato


Il rischio principale è quello di preparare del latte troppo concentrato, che favorirebbe lo sviluppo di sovrappeso od obesità nel bambino. Al contrario, una formulazione troppo “leggera” esporrebbe i neonati al rischio di essere sottonutriti.

Tali conclusioni giungono da uno studio condotto dai ricercatori dell’University of Cambridge su più di 13mila donne inglesi, secondo cui la mancanza di un’adeguata informazione e di supporto all’allattamento artificiale sono alla base dei problemi di cui sopra.

I ricercatori hanno altresì scoperto che, sempre a causa di scarsa informazione e supporto, molte neomamme optano per l’allattamento artificiale perché convinte di non essere in grado di allattare naturalmente al seno.

Un codice adottato da OMS e Unicef scoraggia la pubblicità e la diffusione attiva di informazioni sull’allattamento artificiale che possa far propendere per questo a sfavore dell’allattamento al seno. Tuttavia, qualora si decidesse di ricorrere all’allattamento artificiale, si tende a favorire l’attività di consulenza per un corretto uso.

Insomma, in molti casi è la corretta informazione che fa la differenza.

Fonte: La Stampa.it


Potrebbero interessarti anche