I bambini di oggi? Come piccoli manager…


I genitori, anch’essi superimpegnati, preferiscono gestire l’agenda dei loro figli riempiendola di attività sportive, lezioni di musica o lingue straniere a scapito degli spazi di autodeterminazione. Non più parchi giochi, quindi, ma palestre, e bando alla “pigrizia”!

In genere due attività extrascolastiche sono consigliabili. “Noi ne suggeriamo una ludico-sportiva e una creativa. Mai più di due”, spiega Simona Pia­nese Longo, da sedici anni dirigente scolastico della seconda­ria di primo grado Luigi Set­tembrini di Roma. «La mia sensazione, però, è che tutta questa integrazione con musica, sport e altri impe­gni, beninteso apprezzabilissi­ma, sia più che altro una scusa per parcheggiare i ragazzi. Che arrivano ad aprile già stanchi».

Iscrivere i figli a corsi di lingua o di tennis può nascere anche solo dalla buona inten­zione di offrire opportunità in più, laddove la scuola risulta spesso carente…Ma molte di queste attività spingono verso la competitività, il successo, la performance, tutti valori richiesti dalla società degli adulti, mentre la scuola dovrebbe richiamare a principi più sani quali serietà e studio.

Così molti genitori sacrificano il diritto dei propri piccoli al gioco e al divertimento per fare di loro ragazzi più in grado di resistere alla concorrenza spietata di una società che celebra successo, ricchezza e bellezza. “Piccoli manager” stressati figli di genitori stressati…

Fonte: Corriere della Sera.it


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.