Warning: getimagesize(): Unable to find the wrapper ".http" - did you forget to enable it when you configured PHP? in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Warning: getimagesize(.http://bambinonaturale.it/uploaded/1346.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Gran Bretagna: ritirati colori tossici per bambini


Solo due sterline per un barattolo di colori a dita: così il pargolo può godersi la partita dell’Inghilterra tutto pitturato dei colori della nazionale. Comodamente acquistabile nelle stazioni di rifornimento lungo le strade inglesi.

Fino a che la sera, togliendo la vernice, al bambino rimane in faccia un fastidioso e sospetto eritema, gli si gonfiano gli occhi ed inizia ad avere difficoltà a respirare.

Quattro bambini sono finiti in ospedale nel Surrey dopo aver comprato ed applicato la vernice a dita: l’ufficio regionale delle attività produttive ha avvertito che il prodotto presenta “potenziali rischi per la salute”, e ha peraltro fatto notare che, pur potendosi risalire al produttore, sul prodotto mancava l’enunciazione formale della ditta che lo produceva.

La British Petroleum aveva anche eluso le norme sulla vendita dei prodotti. Le autorità sono preoccupate: “ci saranno di certo un sacco di persone che hanno comprato questi colori facciali ma non li hanno ancora usati” (serbandoli probabilmente per le prossime partite della nazionale inglese).

Immediata, per così dire, la reazione di British Petroleum, che per bocca di un portavoce fa sapere che l’azienda del petrolio inglese si ritiene un “venditore responsabile”, e che ha “immediatamente ritirato il prodotto dalla vendita subito dopo esser venuto a sapere del problema.

British Petroleum non venderebbe mai consapevolmente qualsiasi prodotto non sicuro o totalmente rispettoso della legislazione vigente. Non ci sono stati altre lamentele in qualsiasi area di vendita del prodotto”, che viene venduto in quasi 300 stazioni di servizio.

Fonte: Giornalettismo.com


Potrebbero interessarti anche