Warning: getimagesize(): Unable to find the wrapper ".http" - did you forget to enable it when you configured PHP? in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Warning: getimagesize(.http://bambinonaturale.it/uploaded/1473.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Allattamento e sonno: è falso che allattare al seno faccia dormire di meno


Questo studio, pubblicato ieri sul Pediatrics, dimostra che le noemamme che allattano al seno di notte dormono esattamente tanto quanto quelle che, per scelta o per altri motivi, utilizzano il biberon e il latte in formula.

Hawley Montgomery-Downs, coordinatrice del programma di neuroscienze comportamentali presso la West Virginia University a Morgantown ha detto: “Ci sono evidenze scientifiche riguardanti il fatto che i neonati allattati al seno risposino meno ma nessuno aveva indagato ancora sulle loro madri; dati alla mano, non abbiamo trovato differenze significative riguardanti il sonno delle neomamme in relazione a come nutrono il loro bambino”.

I neo-genitori sanno, o imparano presto, che il sonno è qualcosa che non basterà mai, soprattutto i primi mesi. Questo perchè l’apparato digerente del neonato non è ancora pienamente sviluppato e non è in grado di “saziare” il bambino per più di un paio di ore. Dal momento che il latte materno è più digeribile, è normale che che i bebè allattati al seno si sveglino con una frequenza maggiore rispetto a quelli allattati artificialmente.

“Molte mamme rinunciano ad allattare al seno perchè sostengono che solo così riescono a riposare e a dormire di più ma il latte materno è così importante tanto per il bambino quanto per la madre che abbiamo voluto verificare, volevamo avere delle prove empiriche” – ha detto Montgomery-Downs.

Sono state osservate 80 donne: 27 che hanno allattato esclusivamente al seno per almeno 12 settimane, 18 esclusivamente con latte formulato e 35 che hanno utilizzato entrambi i metodi di alimentazione.

Le donne hanno tenuto dei “diari del sonno” dove hanno riportato la qualità del loro sonno e il numero di volte che si svegliavano durante la notte. Hanno anche indossato dei dispositivi che monitoravano il sonno notturno e segnalato quando, durante il giorno, provavano delle sensazioni di sonnolenza.

I ricercatori non hanno trovato differenze significative nel sonno tra i tre gruppi di donne.

“Non siamo in grado di dire esattamente perché non c’è differenza, ma le donne che allattano possono essere forse più riposate perchè non devono alzarsi e preparare il latte oppure perchè continuano a farlo rimanendo al buio nel loro letto ” – ha detto Montgomery-Downs.

Il messaggio importante che deve passare alle neomamme è che il riposo non arriverà interrompendo l’allattamento al seno nei primi mesi di vita.

Fonte: Bravi Bimbi.it


Potrebbero interessarti anche


  • Gloria

    sarebbe interessante sapere il rapporto fra sonno e allattamento prolungato. Io sto allattando il mio bambino tutt”ora (32mesi) e i risvegli notturni sono ancora abbastanza frequenti.

  • Cristina

    “Non siamo in grado di dire esattamente perché non c”è differenza, ma le donne che allattano possono essere forse più riposate perchè non devono alzarsi e preparare il latte oppure perchè continuano a farlo rimanendo al buio nel loro letto ” – ha detto Montgomery-Downs. Oppure perché si riaddormentano insieme al loro piccolino….come me!

  • Daniela

    Io sto ancora allattando il mio bambino che ha 32 mesi. L”ho allattato esclusivamente al seno fino a 8 mesi, poi ho aggiunto le pappe ma ho sempre mantenuto anche l”allattamento, prevalentemente mattina e sera per addormentarlo, visto che è andato al nido a 9 mesi. Mio figlio ha iniziato a dormire tutta la notte fin dai 5 mesi e fortunatamente non ha cambiato abitudini. Si sveglia la mattina alle 6.30-7 e viene nel lettone a prendere la poppa. Io ho sempre dormito, anche i primi mesi, visto che era vicino a me nel lettino e appena lo sentivo muovere lo attaccavo, il tempo di poppare e si riaddormentava subito, e io con lui. So di essere stata fortunata, e sicuramente è anche per questo che non mi sono mai posta il problema di smettere di allattarlo, ma considero una benedizione poterlo fare ancora.
    So che prima o poi smetterà da solo e so anche che mi mancherà moltissimo.
    Daniela

  • lucia

    Ho una bambina di 4 anni che allatto ancora.Si sveglia ancora, qualche volta per ciucciare, sopratutto se c”è qualche problema di salute o se per qualche motivo non si è saziata a dovere a cena. Ma dorme nel letto accanto a me, e non è un problema se a una certa ora “migra nel mio, per avere un po” di latte, che sicuramente continua a proteggerla sia dal punto di vista immunitario che.. affettivo! E io dormo con lei fra le braccia!

  • Elisa

    Sono sempre stata una dormigliona, sono capacissima di dormire anche 12 ore di seguito. All”inizio con la mia prima figlia è stata dura perchè si svegliava in continuazione. Così ho imparato a dormire con lei attaccata al seno, come fossi un ciuccetto. E così abbiamo cominciato a dormire assiene anche per 12 ore di fila. Non so come avrei fatto a riposare a sufficienza senza il seno

  • Romina

    Io ho allattato mia figlia fino a sei mesi. Di notte però, dopo la poppata, la mettevo nel suo letto: era importante per me avere spazio per dormire bene e recuperare le energie. Produrre latte è faticoso. La piccola cresce benissimo, sempre allegra. Ognuna deve trovare la soluzione migliore per lei. Non è possibile applicare uno schema unico a tutti i casi.

  • Sara

    ho 3 figli, uno di 6 anni, una di 4 anni e uno di 9 mesi, ho allattato al seno solo il primo figlio per 3 lunghissime settimane per poi passare alla salvezza del latte in polvere. Avendo con il primo sperimentato una notevole maggiore serenità da parte mia nel passaggio al latte in polvere, con gli altri due non ho avuto dubbi fin dalla nascita. Ci sono figli e mogli forse più fortunati che hanno un marito che si occupa anche dell”alimentazione del proprio bimbo anche se appena nato e sostengono fisicamente la propria moglie alternandosi nelle eventuali ore di sonno “da perdere” (non penso sia solo la fortuna del caso ad averci donato tre figli su tre che dal terzo mese hanno preso un ritmo di sonno dalle 20 alle 7 eliminando l”unico pasto notturno dei primi 2 mesi verso le 2)

  • Milena

    Anch”io dormo con la mia piccola di 7 mesi nel lettone.Appena sta per per svegliarsi le porgo il seno e quasi sempre si riaddormenta ed io con lei,,ma a volte è disturbata e devo tirarla su per farle fare il ruttino e poi ci vuole un po” per farle riprendere sonno…a voi non capita mai??