Warning: getimagesize(): Unable to find the wrapper ".http" - did you forget to enable it when you configured PHP? in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Warning: getimagesize(.http://bambinonaturale.it/uploaded/200.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Internet e media: per i genitori difficile supportare i figli a un uso responsabile di web e tecnologia


I dati emergono dalla ricerca People – Terre des Hommes presentata oggi a Milano in occasione della terza edizione del Child Guardian Award.

La rivoluzione digitale, abbracciata entusiasticamente dai bambini, mette a dura prova i genitori che non sempre hanno la consapevolezza o le competenze per supportare i figli ad un uso responsabile dei media.

La ricerca delinea un quadro in cui solo una minoranza di genitori e’ consapevole dell’importanza di spendere tempo per accompagnare con competenza, regole e dialogo i figli nel mondo dei media che cambia, con nuovi linguaggi, nuove opportunita’ ma anche nuove insidie, mentre a vari livelli la maggioranza rischia di lasciarli soli, abdicando al proprio ruolo di genitori, con il rischio di rendere piu’ conflittuale il rapporto in famiglia.

Pur spaesati e incerti di fronte a un contesto che faticano a comprendere e regolare, gran parte dei genitori italiani non dimostra molta voglia di aggiornarsi, demandando spesso alla scuola l’educazione dei bambini ai media.

Al centro della ricerca per la prima volta non solo la relazione tra bambini, ”nuovi” (Internet, cellulare, social network e videogiochi), e ”vecchi” media (come tv, giornali e radio) ma anche il sempre piu’ complicato ruolo svolto dai genitori in questo rapporto spesso ”caldissimo”.

Solo il 18% dei genitori, quelli che la ricerca definisce Esperti, sembrerebbe non solo conoscere le nuove tecnologie ma anche essere disposto a svolgere fino in fondo il proprio ruolo, dosando regole chiare e semplici con il dialogo e la capacita’ di affiancarsi ai figli. Il restante 72% del campione oscilla tra ansia, compiacimento spesso immotivato e un imprudente permissivismo. I piu’ numerosi sono i cosiddetti Ansiosi, ben il 35% degli intervistati, che coscienti di essere impreparati davanti alla continua evoluzione tecnologica si rifugiano in divieti che non solo non sanno argomentare, ma che a volte finiscono per non saper imporre.

Fonte: Asca.it


Potrebbero interessarti anche