Libri e bambini: a novembre torna “Nati per leggere”


A livello locale è organizzata in collaborazione con l’Associazione Medici Pediatri e coordinata con i Sistemi Bibliotecari della Provincia di Bergamo, grazie all’aiuto di alcuni sponsor.

I pediatri raccomandano la pratica della lettura ad alta voce perché ha una positiva influenza sullo sviluppo relazionale e cognitivo del bambino; i bibliotecari selezionano e consigliano i libri più adatti ad ogni esigenza. Le attività rivolte ai bambini e alle loro famiglie sono organizzate a titolo gratuito in quattro biblioteche della città e in 73 biblioteche in provincia.

A tutti coloro che interverranno alle iniziative, verranno distribuiti alcuni omaggi fino ad esaurimento scorte.

Se vuoi sapere di più sul Progetto Nati Per Leggere in Italia consulta il sito internet www.natiperleggere.it

Fonte: Comune.bergamo.it


Potrebbero interessarti anche


  • Laura

    Nel 2008 è nato il mio primo bambino, all”epoca il comune di Bolzano aderiva a questo splendido progetto. Mio figlio è cresciuto tra giochini e libri cartonati, di stoffa e perfino plastificati durante il bagnetto ed i bagni in piscina. Adesso sia lui che il suo fratellino (2009) guardanno libri e si “fermano”, si siedono a sfogliarli nonostante la loro vivacità. Sono una mamma molto contenta di questi progetti. E” bellissimo vedere che anche altre città aderiscono al progetto “nati per leggere”.