Alimentazione: nuove disposizioni dell’OMS contro il cibo spazzatura

I bambini sono vittima del feroce marketing del cibo spazzatura: in tv i programmi per bambini destinati ai più piccoli sono pieni di pubblicità di prodotti alimentari poco salubri, pieni di grassi, zuccheri e sodio.

A questo fenomeno l’OMS ha deciso di dare un taglio attraverso nuove disposizioni, emanate nel corso del 2010, destinate ai Paesi membri, attraverso cui regolamentare il mercato dei prodotti alimentari destinati all’infanzia.

L’intento è quello di ridurre l’esposizione dei più piccoli alle campagne di marketing volte allo smercio di merendine, bevande zuccherate e prodotti carichi di sodio che minano la salute dei più piccoli, nell’immediato e nel lungo termine: l’eccesso di grassi saturi e trans, di zuccheri semplici e di sale sono, infatti, tra i principali fattori scatenanti le più diffuse patologie dell’età adulta: cardiopatie, ipertensione, diabete, tumori.

Diverse le aziende che si sono impegnate nell’opera di “rieducazione” dell’OMS, tra le quali Coca-Cola, Nestlè, PepsiCo, MacDonald’s. Tuttavia, come denunciano alcuni rappresentanti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pare che le aziende in questione non stiano mantenendo l’ impegno… nei Paesi ove hanno sede.

Per approfondire vai all’articolo originale.


Potrebbero interessarti anche