E’ allarme acqua per i bambini di Tokio

La tragedia giapponese raggiunge livelli sempre più allarmanti.

La radioattività fuoriuscita dalla centrale nucleare danneggiata di Fukushima, a 240 chilometri da Tokio, ha contaminato l’acqua.

I controlli sull’acqua corrente della capitale hanno rilevato una quantità di iodio radioattivo pari a 210 becquerel/litro, un valore superiore più del doppio ai livelli di allarme per i bambini più piccoli.

Da qui il divieto di utilizzo dell’acqua corrente per i bimbi di età inferiore a un anno (vietata la diluizione del latte in polvere con acqua del rubinetto), mentre le autorità rassicurano che i livelli di radioattività riscontrati non sarebbero pericolosi per la popolazione adulta.

Nonostante l’invito a non allarmarsi e a non prendere d’assalto i supermercati, in poche ore si è fatta incetta di bottiglie di minerale.

La gente, come è ovvio, ha paura.

E l’allarme non è ancora cessato.

Leggi qui per saperne di più.


Potrebbero interessarti anche