Troppi bambini ospedalizzati per veleni nei detersivi

Se la nostra attenzione verso le tematiche legate alla salute dell’ambiente aumenta, non si può dire altrettanto per la consapevolezza della composizione di prodotti – quali detersivi e medicinali – presenti nelle nostre case, spesso mal custoditi.

Ogni anno sono circa 60.000 i casi di bambini avvelenati dall’ingestione di prodotti per la detergenza o farmaci facilmente raggiungibili, o per disattenzione da parte dell’adulto.

Gran parte degli incidenti si verifica in cucina o in bagno, dove detersivi e medicinali sono a diretta portata dei piccoli, soprattuttto nelle ore – alle 12 o alle 20 – in cui gli adulti sono più distratti o impegnati.

Importante sapere come muoversi in caso di ingestione di veleni: niente panico, niente manovre scorrette (quali assunzione di latte o altre sostanze che potrebbero peggiorare il quadro).

Inoltre è bene essere più attenti alla composizione dei prodotti incriminati, evitare di sostituirne il contenitore – rendendo detersivi e farmaci facilmente scambiabili con altro – e controllare le chiusure dei medicinali.

Infine essere pronti in caso di evenienza a fornire tutte le informazioni necessarie ai prestatori di soccorso: nome della sostanza ingerita, quantità assunta, via di contatto.

Per approfondire l’argomento, leggi l’articolo originale.


Potrebbero interessarti anche