Gravidanza a rischio per il fumo di papà

La sigaretta in gravidanza è da evitare tassativamente.

Pure se a fumare è il futuro papà.

Da uno studio condotto di recente dai ricercatori del centro di medicina per la procreazione assistita ProCrea di Lugano risulterebbe che il fumo di sigaretta nell’uomo determini una maggior frammentazione del DNA  spermatico.

Ciò comporterebbe maggiori difficoltà non solo nel concepimento, ma anche nella prosecuzione della gravidanza, con un aumento dei rischi di aborto spontaneo e di interruzione.

I risultati dello studio svizzero sono stati presentati al congresso annuale della European Society of Human Reproduction and Embriology a Stoccolma, dove gli esperti hanno ribadito la responsabilità del fumo nella frammentazione del DNA e la necessità per i futuri padri di sospendere o ridurre il vizio della sigaretta mesi prima del concepimento, assumendo al contempo vitamina E.

Qui trovi l’articolo originale.


Potrebbero interessarti anche