Isotopi radiattivi nei bambini di Fukushima

A quattro mesi dal sisma e dal disastro alla centrale nucleare di Fukushima sono stati rilevati isotopi di cesio 134 e 137 nell’urina di alcuni bambini del paese.

Per quanto i livelli di radiattività non siano di per sé elevati, sorge forte preoccupazione tra i residenti, di certo esposti alle radiazioni fuoriuscite dalla centrale.

Le analisi condotte da un’associazione civica giapponese e un organismo francese (Acro), nel mese di maggio e su un campione di 10 bambini di età compresa tra i 6 e i 16 anni, hanno rivelato le maggiori quantità di isotopi di cesio su una bambina di 8 anni e un bambino di 7.

La notizia è accompagnata da ulteriori indagini condotte sulla popolazione di piccoli villagi nei pressi di Fukushima, che hanno confermato la presenza di radiattività.

Tuttavia i bambini risultano più a rischio in quanto presentano una maggiore probabilità di sviluppare tumori della tiroide.

Per leggere l’intero articolo clicca qui.


Potrebbero interessarti anche