Parto naturale ma indolore con il gas esilarante

Da oggi all’ospedale dei bambini di Milano si partorisce… ridendo.

Il Buzzi, ritenuto ospedale pediatrico all’avanguardia per la nascita naturale e indolore, il mese scorso ha vantato i primi 10 parti con l’ausilio del protossido di azoto, ossia il gas esilarante.

Sistema ritenuto innocuo – le mamme possono autosomministrarselo durante il travaglio – e grazie al quale non viene meno la vigilanza, il parto con il gas esilarante si accompagnerebbe all’analgesia epidurale nel garantire alle partorienti un’esperienza senza dolore e naturale.

Il Buzzi, infatti, vanta anche un calo delle percentuali di cesarei (ad oggi il 20%) grazie anche all’impegno profuso nella riduzione del dolore del parto.

Come a dire: per incentivare le donne a partorire naturalmente e fisiologicamente facciamo in modo di garantire loro l’assenza totale di dolore.

Alla base non c’è un’educazione alla nascita che riveli il senso profondo del travaglio in tutte le sue fasi, degli ormoni chiamati in gioco, e del dolore, che ne rappresenta un aspetto di importanza decisiva.

Questa notizia ci pare che da un lato rafforzi l’idea del cesareo come intervento scaccia-sofferenza, e dall’altro mostri come l’unico sistema per partorire in modo degno sia per mezzo interventi esterni, in questo caso…con una risata autogestita.

Per noi “avanguardia” è altro.

Per leggere l’intero articolo clicca qui.


Potrebbero interessarti anche