Pannolini lavabili: il prefold

Che i pannolini di stoffa siano il meglio per i nostri bimbi, il meglio per l’ambiente e per le nostre tasche è una certezza.

A volte però accade che noi mamme, anche se armate della più grande volontà, proprio nelle prime settimane di vita del neonato troviamo difficoltà nell’utilizzo degli ultimi modelli di lavabili che troviamo sul mercato.

 Questo può accadere perchè, ad esempio, il neonato non ha un peso tale da poter vestire perfettamente il pannolino lavabile “one size”; oppure semplicemente per nostra poca pratica.

Il mio consiglio ai neogenitori è di iniziare l’avventura “pannolino lavabile” con “il prefold”: ritengo che sia un acquisto molto conveniente e incoraggiante, prima di operare una scelta definitiva.

I prefolds sono dei rettangoli di stoffa cuciti in più strati, 4 strati di cotone ai lati e 8 strati di cotone al centro, per l’esattezza.

Hanno già una forma pre-piegata (le cuciture verticali), quindi utilizzarli è molto facile ed intuitivo: si piegano indosso al bambino nella maniera preferita, si coprono con delle mutandine impermeabili ed il gioco è fatto.

Cosa dobbiamo aspettarci da un neonato?

– Che sporchi il pannolino molto spesso.
– Che abbia feci molto liquide.
– Che necessiti di cambi molto frequenti (8/12 al giorno).

I prefolds soddifano queste esigenze in modo eccellente, in quanto sono poco costosi, semplici da usare, veloci nell’asciugatura e, in generale, in tutta la loro manutenzione.

Nonostante esistano in commercio prefolds cuciti con i tessuti più svariati (vedi cotone, canapa, bambu’), i migliori sono quelli in twill di cotone (se organico ancora meglio): questa stoffa è simile ad una garza, e anche se cucita in più strati, ha il pregio di un’asciugatura davvero rapida pur assicurando un’assorbenza eccezionale.

Va da sé che la qualità del tessuto in un prefold è fondamentale.

I pregi e i difetti del prefold:

Vantaggi:

1. Sono cuciti con una garza molto assorbente e strutturati in modo tale da non avere bisogno, solitamente, di inserti aggiuntivi;

2. Sono molto versatili: posso chiuderli con gli appositi gancetti (snappy fasteners) o ripiegarli su se stessi; posso utilizzarli con le mutandine impermeabili, o senza le mutandine per una fasciatura più fresca in estate; sono degli ottimi inserti aggiuntivi anche per gli altri tipi di pannolini lavabili;

3. Con l’assetto giusto garantisco la tenuta di tutta una notte con un ottimo risultato;

4. Si asciugano in un lampo;

4.Sono davvero convenienti ed è possibile cimentarsi con il “fai da te” di un prefold, senza avere grandissime conoscenze di cucito.

Svantaggi:

1. Sono abbastanza ingombranti;

2. Non sono pannolini alla moda.

PIEGARE UN PREFOLD
Il sistema classico per piegare un PREFOLD e prevenire fuoriuscite.

 

Piega la parte inferiore per creare un pannolino della giusta lunghezza (sul bimbo, la parte dietro dovrà essere uguale alla parte frontale) 

Piega la parte sinistra a circa un terzo della larghezza

Si creerà questa tasca nella parte sinistra Infila la parte inferiore destranella tasca creata.

Opzionalmente, puoi inserire un inserto in microfibra o altro tessuto assorbente per aumentare la capacità di assorbimento.

Non scordare il velo prepannolino (il lavaggio risulterà più veloce) (Foto tratte dal sito ww.ecopannoli.it)

INDOSSARE UN PREFOLD

Fai indossare il PREFOLD al tuo bimbo controllando che sia di pari lunghezza davanti e dietro. 

 

Porta la lingua posteriore sinistra in avanti. Fai la stessa cosa con la parte destra.

Attacca il gancetto a sinistra. Attacca il gancetto sulla parte destra  Allunga il gancetto sulla parte centrale, verso il basso …

FATTO! (Foto tratte dal sito ww.ecopannoli.it)

Rossana Spampinato


Potrebbero interessarti anche