Allattare in pubblico, ecco come

Anche se siamo circondati da immagini di donne con ben pochi vestiti addosso, il fatto di allattare in pubblico non viene sempre visto di buon occhio. Spesso si notano sguardi quasi di disapprovazione, come se si stesse facendo qualcosa di inappropriato. D’altro canto molte mamme provano un po’ di imbarazzo ad allattare in luoghi pubblici. Questo articolo prova a fare un po’ il punto della situazione e suggerisce qualche astuzia per allattare con la massima disinvoltura.

Estate, sole, bikini, monokini…e l’allattamento in pubblico dove lo mettiamo??

Se fino alle ultime generazioni il seno è sempre stato valorizzato per la sua produzione di latte, attualmente gli viene invece attribuita solamente una funzione erotica.

Non è solo l’opinione della mamma a contare, ma anche lo sguardo altrui: se mi slaccio il reggiseno (sotto agli indumenti), questo gesto verrà interpretato come una provocazione da parte mia?

Bisogna cercare di considerare nuovamente il seno come uno strumento per nutrire i bambini, quando si è madri o ci si trova di fronte ad una madre, e come un elemento sensuale, erotico, quando si è amanti (o quando ci si trova di fronte al proprio amante).

Per fare ciò è necessario riconoscere il valore dell’allattamento materno, sia da parte di chi allatta, sia di chi non allatta, e togliersi dalla testa l’idea che allattare significhi spogliarsi davanti a tutti.

Così come si indossa una camicetta scollata, sbottonata, di fronte al proprio compagno, allo stesso modo lo si può fare anche di fronte ad altre persone (amici, famigliari o al ristorante) compiendo dei gesti discreti:

– fate scivolare la mano attraverso lo scollo della vostra maglia e slacciate la coppa del reggiseno per l’allattamento;
– passate la mano sotto la maglia per abbassare la coppa;
– avvicinate il bambino sollevando la parte inferiore della maglia;
– il bambino prende il capezzolo in bocca e la maglia sollevata lascia intravedere solamente una testina che poppa…

A mio parere si tratta del metodo più discreto.

In alternativa potete scegliere di posizionare il bambino di fronte a voi, sbottonarvi la camicetta e scostarne un lembo.

Siate naturali nel compiere questi gesti, è agendo furtivamente che si attirano gli sguardi altrui!

Eventualmente potreste scegliere di indossare un indumento apposito per l’allattamento: un investimento talvolta costoso ma concepito per limitare le parti scoperte e la conseguente sensazione di nudità.

In spiaggia, copritevi con un pareo o con un foulard triangolare, oppure allattate stando sdraiate e tenendo il bambino tra di voi e il vostro compagno. Al ristorante o in un bar all’aperto, scegliete un tavolo posto contro una parete.

Spesso propongo alle mamme di allattare tra di loro una prima volta, poi “in pubblico” insieme: spesso ci si sente maggiormente a proprio agio in compagnia di altre mamme che allattano!

Infine, allattare in pubblico non rappresenta qualcosa di “innato”, non è così scontato per tutti, ed è per questo che abbiamo voluto darvi qualche consiglio per “proteggervi”, così da poter godere maggiormente delle gioie dell’allattamento e trarre il massimo vantaggio dalle vostre uscite.

L’allattamento, infatti, permette anche di restare fuori casa tutto il giorno, portando con sé i propri bambini senza doversi preoccupare per la preparazione del loro pasto.

È quindi necessario rispettare le modalità dell’allattamento, affinché il fatto di allattare non rappresenti più qualcosa al di fuori dell’ordinario e le mamme possano allattare con discrezione, scoprendo molto meno di un bikini.

Traduzione dal francese di Laura Tenorini
tratto da www.allaitement-jumeaux.com


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.