Psicofarmaci ai bambini, ritirato il Noprom

Una buona notizia sul fronte degli psicofarmaci ai bambini.

Forse conoscerete il famigerato sciroppo Noprom, utilizzato dalle mamme disperate per assicurarsi qualche ora di sonno.

Il Noprom è un vero e proprio psicofarmaco, somministrato ai bambini “insonni” per farli letteralmente cadere in un sonno profondo.

Sottostimati – o addirittura ignorati – gli effetti collaterali di un tale farmaco, lo sciroppo era in vendita esclusivamente in Francia e in Italia.

Nei giorni scorsi, tuttavia, sono state sospese le autorizzazioni alle aziende produttrici -Laboratoires Genopharm Francia e Alkopharm Blois – e vietata la commercializzazione nel nostro Paese a partire dal 2 gennaio 2012.

Tra gli effetti collaterali del Noprom una vera e propria reazione “da sospensione”, con ipereccitabilità o, al contrario, sonnolenza diurna, calo del tono muscolare e tremore.

Per leggere l’intero articolo clicca qui.


Potrebbero interessarti anche


  • silvia

    per favore non usate facebook per diffondere gli articoli! non rendete facebook obbligatorio per chi non vuole regalare le proprie informazioni personali a una multinazionale privata! non fatelo proprio voi! grazie

    • redazione

      Cara Silvia,
      facebook è un potentissimo mezzo di diffusione di notizie che attraverso i canali “standard” spesso non circolano. Noi non obblighiamo nessuno a iscriversi se non lo vuole, infatti abbiamo il nostro sito e facebook è semplicemente un luogo di incontro per farci meglio conoscere 🙂

  • Laura

    Concordo con Silvia.
    Si può evitare fb e rendere la vita di tutti noi meno controllata ed ugualmente informata.
    Visto che per altro l’articolo in questione è su canicattiweb.com, non vedo proprio il motivo di passare per fb.

    Laura

  • TAMY

    e perche non si dovrebbe creare un gruppo che allerta le mamme e le informa???io invece ringrazio questo articolo per avermi informata delle immondizie che anno prescritto anche a i miei figli!!!Dio vi benedica!!!!!

  • elena

    Concordo con Silvia e Laura.

  • Manu

    Pensare che qualcuno abbia usato questo farmaco mi fa paura… grazie alla pubblicazione su facebook ho scoperto questo articolo e il vostro sito. Per tutte quelle mamme che hanno scritto prima di me: spegnete la tv e informatevi in rete! Il fine deve essere l’informazione libera (qualunque blog dà questa possibilità), non la disinformazione di massa!

  • patrizia

    quando mio figlio era piccino,l’ho usato,non per un lungo periodo e non sapendo i vari rischi anche perchè,se ti viene consigliato da pediatra,credi anche di poter stare tanquilla! ora Andrea ha 8 anni e frequenta la classe seconda della primaria,a scuola è bravo,non ha neanche un buco,ma nel comportamento non dico altrettanto,non sempre crretto nei confronti dell’insegnante e die compagni. Mi hanno anche consigliato di fargli fare il test jper la dislessia,ora che ho letto quanto sopra penso:non è che sia colpa di sto maledetto farmaco????e mi sto pure sentendo un colpa……..Cosa ne pensate? datemi un pò di conforto per favore…..Grazie,patrizia.

  • Vanna

    è grazie a facebook che sono venuta a conoscenza di questa ennesima speculazione sulla pelle dei bambini e penso che chi demonizza i social network lo fa per ragioni politiche e non per reali pericoli