Animali amici della salute dei bambini

“Miglioramento delle capacità relazionali e di interazione, e quindi incremento delle competenze linguistiche e di relazione in particolare per i bambini che soffrono di disturbi dell’attenzione e iperattività”.

E’ questo il risultato emerso da uno studio fatto su oltre 1000 bambini dai 3 ai 14 anni che, durante il ricovero ospedaliero nel reparto di pediatria del Policlinico II dell’Università Federico II di Napoli, hanno avuto l’opportunità di fare delle attività con cani addestrati. I benefici sono stati innegabili.

Questa attività, che è di fatto una sorta di pet therapy, è stata realizzata grazie ad Aitaca, associazione di volontariato in cui operano psicologhe, addestratori e una biologa, Amelia Stichi, la fondatrice.

Oltre ai benefici misurati dallo studio, sono emersi molti altri aspetti che hanno confermato il valore di un’attività di questo genere: tanta meraviglia da parte dei bambini, superamento delle fobie verso gli animali e poi sorrisi, foto ricordo, calore, piccole emozioni.

Aspetti che in genere non fanno parte di una degenza ospedaliera, nemmeno in pediatria. I cani hanno reso più tollerabile la presenza in ospedale da parte dei bambini, mettendo in secondo piano la costrizione e l’impossibilità di tornare a casa, aiutandoli a vivere meglio la degenza.

Notizia Ansa.it


Potrebbero interessarti anche