Rossella Urru e il sostegno di mamma e bambino

Ci associamo al coro del #freerossellaurru, scatenato su twitter grazie alla pressione fatta da alcuni personaggi dello spettacolo: Geppi Cucciari al Festival di Sanremo e Fiorello con la sua rassegna dall’edicola del mattino, attraverso un video che ha fatto il giro del web.

Ben vengano queste pressioni, anche dei vip: davanti al senso di impotenza, alla paura, e anche a tanto silenzio chiunque possa fare qualcosa lo faccia.

Rossella Urru è una cooperante volontaria del Comitato Italiano Sviluppo dei Popoli (CISP) che lavora per sostenere mamme e bambini che vivono nel campo profughi Saharawi nel sud dell’Algeria ed è stata rapita il 23 ottobre scorso da terroristi islamici.

Aspettiamo con ansia notizie, confidiamo nella pressione di tanti e vi chiediamo di unirci a noi nel dire Free Rossella Urru, su Facebook, su Twitter, ovunque vogliate, sulle strade, sui blog, sui giornali. Anche l’unità dell’opinione pubblica, cioè di tutti noi, potrà essere un tassello importante per la sua liberazione, per sostenere chi se ne occupa direttamente.


Potrebbero interessarti anche