Bambini in piscina ma con cautela

Se il mare è un ricordo lontano, o se prorpio per quest’anno la spiaggia sarà un remoto miraggio, quando il sole scotta e l’aria si fa irrespirabile quale miglior soluzione della piscina?

Specie i bambini la amano perché non fa “paura” come il mare, perché ci si può tuffare dal trampolino, perché magari è vicino a casa e raggiungerla è un attimo!

Tuttavia è bene sapere che non è tutt’oro quel che luccica, e che fare un bel tuffo in piscina comporta seguire qualche regola di buon senso e di igiene.

Primo: tutti noi sappiamo che l’acqua delle piscine viene disinfettata dal cloro. Bene, questo non è garanzia di assoluta asetticità, perché è soprattutto fuori dall’acqua che si può venire a contatto con microrganismi causa di micosi e altre infezioni.

Per di più il cloro stesso può provocare irritazione alla pelle, agli occhi e alle mucose!

Quindi sarà sempre bene camminare con ciabatte o sandali (per evitare funghi e verruche), e proteggersi con occhialini, tappi per le orecchie e per il naso. Soprattutto se si è frequentatori più che assidui della piscina.

E per finire, una bella doccia prima e dopo i tuffi non è una cattiva idea 😉


Potrebbero interessarti anche