I denti dei bambini, che scoperta!

Così come mamma e papà insegnano ai propri figli il nome delle dita delle mani, perché non insegnar loro anche il nome dei denti?

L’importanza di “fare e imparare” rende il vostro bambino partecipe e protagonista di una nuova scoperta!
Spesso parliamo di denti ai nostri piccoli in un contesto di imposizione: “Devi lavare i denti!”, “Non andare a letto senza aver lavato i denti!”, ecc.

Come potrebbe nostro figlio, spontaneamente, aver voglia di lavare i denti? Io sarei la prima a non volerlo fare!
È molto più facile ed educativo ottenere la “collaborazione” dei nostri piccoli, proponendo attività che servano a spiegare il perché di alcuni gesti, quindi in questo caso, l’importanza di pulire quotidianamente e al meglio i denti.
Nei prossimi articoli farò qualche esempio di semplici giochi che mamma o papà e bimbi possono fare insieme, prendendo spunto dal libro Educando alla salute giocando di Alberto Pellai e Barbara Bianchi.

Scopriamoci i denti!
Obiettivo: i denti sono vivi e vanno curati
Materiale: nessuno
Impegno: mi devo ricordare di lavare i denti dopo ogni pasto
Attività: per introdurre l’argomento la mamma o il papà potrà chiedere al bambino se secondo lui i denti sono vivi oppure no.

Dopo aver raccolto le sue supposizioni, insieme dovranno arrivare alla conclusione che i denti sono vivi e che perciò devono essere trattati bene e curati, nel senso di averne cura.

Spesso i bambini riferiscono che i denti non sono vivi perché sono immobili e duri. Si può invece far notare che i denti crescono piano piano; per esempio i denti degli adulti sono molto più grandi di quelli dei bambini ed ancora, a volte, i denti si muovono perché devono cadere ed essere sostituiti dai denti definitivi.
Da qui la fase più importante: prendete uno specchio, chiedete a vostro figlio di aprire la bocca ed osservate insieme i denti.
Chiedete al vostro bambino se i denti sono tutti uguali o se ci sono fra loro differenze: vostro figlio potrà così rendersi conto che la sua bocca è costituita da tanti denti sopra quanti ce ne sono sotto, che i denti sono diversi tra loro e che ve ne sono di molto grandi, di taglienti e di appuntiti.
Contateli insieme con l’aiuto di un bastoncino che li possa indicare ed aggiornate il numero….ad ogni caduta di dente!

Il riconoscimento del corpo esce dalle esplorazioni motorie e percettive, le relazioni tra gli oggetti si mettono in moto, comincia il senso del mondo.

Ecco allora che nasce un bambino importante, unico e speciale che non è il bambino ideale, ma Persona unica, inimitabile ed irripetibile perché vive conservando e preservando la salute propria ed altrui come “tesoro”. (cit. Anna Lisa Ferrante)

Alla scoperta della nostra bocca!

Valeria Scarafile


Potrebbero interessarti anche