Salute bambini, meglio l’autoproduzione

Diciamo la verità, forse mai come ai nostri giorni siamo terrorizzati da sporco e batteri, specie quando in casa si aggirano bambini piccoli.

E il mercato ci viene incontro con prodotti che promettono l’assoluta asetticità. Non solo per la casa, con detersivi/detergenti che sono veri e propri presidi medico-chirurgici, ma anche per la pulizia personale, specie quella della bocca.

In commercio numerosi dentifrici e colluttori garantiscono la perfetta disinfezione del cavo orale graze alla presenza di un efficace antibatterico, il triclosan, che però in questi giorni è sotto accusa perché pericoloso per la salute.

Se da un lato il triclosan renderebbe i batteri resistenti ad alcuni antibiotici, dall’altro – e questo è dir poco inquietante – comprometterebbe le funzioni e la salute di cuore e muscoli.

Purtroppo si tratta di una sostanza ormai molto diffusa anche nell’ambiente, rilevata nell’organismo umano e…nel latte materno.

Le quantità di triclosan concesse per prodotto sono davvero limitate, tuttavia il problema sorge dall’accumulo della sostanza per via della presenza massiccia in vari prodotti di utilizzo comune (soprattutto dentifrici, colluttori, cosmetici, saponi liquidi).

La chimica nei prodotti che siamo per noi, ma anche per i nostri bambini, è tanto massiccia quanto pericolosa. Necessario innanzitutto leggere bene le etichette, e in secondo luogo…imparare a autoprodurre partendo da materie prime naturali e biologiche, proprio come ci insegnano le amiche Elena e Elisa.

Provare per credere!


Potrebbero interessarti anche