Fare scuola a casa perché…aspettiamo la tua esperienza!

Lo scorso anno vi ho lasciati con la prima parte di una bella chiacchierata insieme a un’amica, a una famiglia che pratica l’homeschooling, grazie alla quale vorrei illustrare non solo la sua esperienza, ma anche i motivi per cui si decide di fare scuola a casa.

Ecco le altre domande a cui Alessia ha risposto con pazienza e gentilezza.

. Che cos’è per te la cultura? Quale concetto di cultura intendi trasmettere?
La cultura per me non è un calderone di nozioni ben mescolate fra loro, assimilate in modo meccanico. A mio parere una persona acculturata sa collegare fra loro le nozioni che ha, le mette in relazione e soprattutto le mette in discussione, alla ricerca di quella che riuscirà a colmare una lacuna e svelerà ai suoi occhi una piccola parte della Verità.

La cultura non mira a una mera raccolta di informazioni, ma dovrebbe innalzare la persona verso una piena conoscenza di sé e di ciò che lo circonda, con l’obiettivo ultimo della realizzazione personale, non intesa come una posizione lavorativa redditizia, ma come la felicità di essere sé stessi e di cercare di migliorare il mondo anche solo con le piccole cose.

· Da quale (o quali) correnti pedagogiche trai ispirazione nella tua pratica educativa?
Abbiamo trovato riscontri positivi applicando il pensiero di Maria Montessori per ora, ma stiamo valutando anche le sorelle Agazzi e Rudolf Steiner, perchè siamo convinti che una crescita completa sia importantissima per formare un individuo: arte, movimento, quotidianità, relazioni umane, non solo arricchimento intellettuale.

Siamo convinti, però, che la pedagogia più adatta a un bambino sia l‘istinto di mamma e papà, perchè solo loro lo conoscono sotto ogni aspetto e riescono a filtrare il mondo in modo da farglielo vivere appieno.

· E se in futuro vostra figlia chiedesse di andare a scuola?
Non avremo nessun problema ad immetterla nel ciclo dell’istruzione scolastica pubblica, ma le chiariremmo la possibilità in qualsiasi momento di tornare a fare scuola a casa con noi, se non si trovasse bene. Credo che un bambino che, cosciente di quali siano le alternative, sceglie di andare a scuola abbia un sano attaccamento ai genitori e quindi sia favorito nell’affrontare il sistema e la società, che si tratti del parco giochi, della scuola o del negozio dietro l’angolo.

· Una delle critiche frequentemente rivolte a chi sceglie l’h.s. è che si crea confusione tra ruolo di genitore e ruolo di insegnante, cosa risponderesti?
Non vedo cosa ci sia di negativo nell’identificarli nella stessa persona. Alla fine noi genitori insegniamo ed educhiamo i nostri figli da quando nascono: da noi apprendono la comunicazione, imparano a gestire le emozioni, vengono accompagnati verso ogni conquista nei loro primi anni di vita; quindi semplicemente non interrompiamo questo processo.

Un insegnante deve omologare un metodo di apprendimento per adattarlo ad una classe di 20 o più elementi, con i pro e i contro che questo comporta; un genitore, invece, ha la fortuna di poter costruire ogni giorno la fiducia di suo figlio, scegliendo di volta in volta il metodo più adatto alle sue abilità.

· Altra critica frequente: alcuni ritengono che l’h.s. rischi di rendere il bambino una “copia” dei genitori: trovi possibile conciliare h.s. e pensiero critico? Pensi che tua figlia avrà modo di scegliere i propri valori e formarsi le proprie opinioni in libertà, nonostante (anzi, forse, grazie a) l’educazione familiare?
Rigiro la domanda. Chi manda i propri figli a scuola non ha lo stesso timore? Alla fine la scuola insegna a tutti le stesse cose, filtrate e rielaborate da un insegnante. Non è più facile che questo processo porti ad avere tante persone che la pensano allo stesso modo?

Anche se mia figlia ha solo due anni vedo già in lei un carattere ben definito, ma non è nostra intenzione lavorare su questo in presa diretta: ogni giorno cerchiamo di farle conoscere una piccola porzione di ciò che sappiamo, ma è la sua curiosità che la spinge un po’ più in là. Nostro intento è farle vedere ciò che lei è, senza condizionare il suo punto di vista.

E’ difficile che i figli non abbiano degli aspetti dei genitori, ma riteniamo che con un’adeguata educazione, soprattutto morale, ogni individuo porterà con sé le proprie radici ed i propri sogni. Il pensiero critico vien da sé nel momento in cui il bambino ha la sicurezza che ciò che pensa, ciò che dice e ciò che vuole dalla vita viene ascoltato e considerato da mamma e papà in primis; crescerà così un individuo che conosce il proprio valore, indipendentemente da ciò che pensano di lui: una persona capace di mettere in discussione prima di tutto sé stesso, perchè convinto che questo sia uno dei tanti modi per migliorare.

Faccio l’esempio della spiritualità. Non abbiamo battezzato Ecate. Siamo credenti e praticanti ma non siamo cristiani. Le stiamo facendo conoscere le varie usanze religiose un passo alla volta, tenendo conto della sua tenera età, per darle la possibilità di scegliere ciò che sentirà più affine al proprio animo. Festeggia con noi solstizi ed equinozi, vive l’anno cristiano con la nonna, partecipa agli incontri con i nostri amici, ognuno con un imprinting culturale unico e diverso.

· Ultimo classico tra le obiezioni: e la socializzazione?
Di solito è la prima critica che ci viene mossa quando entriamo nell’argomento. Ormai in tanti sono convinti che l’unica socializzazione veramente sana sia all’interno della scuola, però si dimenticano che la maggior parte dei loro amici li hanno incontrati in ambiti totalmente diversi: dallo sport, al vicino di casa, alla pura coincidenza…

La socializzazione che si vede a scuola è forzata: i ragazzi condividono lo stesso spazio vitale per molte ore, sovrintesi da adulti. Gli unici momenti di libera socialità sono rilegati agli intervalli e alla mensa, quando anche queste non sono controllate da un adulto.

Questa a mio avviso non è socializzazione! Socializzare vuol dire saper vivere nella società e la nostra società non è gestita da un’élite di adulti che gestiscono come scandire il tempo a nostra disposizione. Socializzare significa sapersi relazionare con chiunque: dal coetaneo, all’adulto, alla persona anziana, al panettiere…Per imparare a farlo bisogna vivere la socialità nel quotidiano, senza rinchiudersi in un edificio, che sia la scuola o casa nostra.

Basta poco per poter imparare il vivere sociale. Come sempre parte tutto dalla famiglia: invitare amici o andarli a trovare, che siano coetanei suoi o nostri; partecipare ad attività di gruppo, che siano corsi, sport o semplicemente un’uscita al parco. Il punto più importante è rappresentato dall’esempio: i bambini si relazionano con le persone così come vedono i propri cari farlo. Poi è naturale che ci sarà il bimbo più introverso e quello più espansivo, ma a noi spetta il compito di seguirli e rispettarli.

· Quali sono gli aspetti negativi dell’h.s., sia per voi genitori che per la vostra bambina?
L’aspetto più triste è il fatto che sia poco conosciuto e spesso, quindi, anche mal visto. Questo implica la difficoltà nel creare un gruppo di famiglie di homeschooler in zona, che possa rappresentare un punto di confronto e di riunione.

Il nostro sogno è che la scuola familiare sia riconosciuta interamente come alternativa valida alla scuola pubblica o privata e che le famiglie che la scelgono possano ricevere sovvenzioni dallo stato, dato che un homeschooler costa di sicuro molto meno di uno studente. Ci piacerebbe conoscere delle famiglie che lo praticano nella nostra zona, in modo da poter organizzare uscite di gruppo, ad esempio; non solo per avere un confronto reale ed un appoggio sociale.

Fortunatamente per ovviare alla scarsa diffusione c’è internet che riduce di molto le distanze ed è un’ottima risorsa. Per lavorare sulla scarsa conoscenza dell’opzione “homeschooling”, invece, confidiamo che il lavoro di ogni singola famiglia possa essere prossimamente riconosciuto. Per Ecate ancora non sembrano esserci aspetti negativi: per lei è normale stare con noi, esattamente come è normale vedere altri bimbi andare all’asilo; ogni tanto andiamo all’asilo a trovare questi bimbi, ma se non c’è mamma lei non si diverte ad andarci.

· Che consiglio daresti a chi si avvicina all’home schooling ?
E’ una scelta libera, ma allo stesso tempo condiziona tutta la famiglia e non in senso negativo. E’ una meravigliosa opportunità di migliorare il nostro vivere comune, di stupirci assieme ogni giorno di quelle piccole conquiste: è un modo diverso di vivere la genitorialità e l’essere figli.

Non è, però, una scelta adatta a tutti, perchè purtroppo non tutti hanno la libertà di potersi gestire l’orario di lavoro e non tutti i genitori hanno piacere a passare gran parte del loro tempo con i figli. Io consiglio ad ogni modo di valutarla, perchè è possibile fare scuola a casa per un anno, per un ciclo di studi o anche solo per l’asilo, quando non la si fa per tutto il percorso scolastico.

Perchè è una modalità completa per far crescere un individuo unico e speciale, ma non necessariamente fuori dagli schemi come molti pensano; perchè, motivazione per noi molto importante, migliora l’ambiente familiare, permettendo ai singoli di conoscersi meglio e imparare a rispettarsi. In ogni momento di dubbio o sconforto, ricordatevi che non siete soli, anche se a volte è così che ci si sente: internet è una risorsa sconfinata ed è facile trovare un confronto con una famiglia che già pratica l’homeschooling.

E’ stato bello incontrarla, vero?

Rileggendola resto sempre più affascinata, e mi piacerebbe che questa sensazione di scoperta potesse diventare “un’abitudine” di questa rubrica. Io sicuramente importunerò altre “colleghe di percorso” e ve ne darò conto, ma il mio indubbio talento di ficcanaso ha i suoi limiti: chiunque vorrà facilitarmi il compito per raccontarmi il suo percorso a-scolastico, quale che sia, mi troverà a braccia e orecchie aperte.

Vi aspetto!!

Irene Malfatti


Potrebbero interessarti anche


  • Barbara

    Ciao Irene, mi chiamo Barbara e ho un tenero pastrocchio di 2 anni e 7mesi; va all’asilo nido da 4 mesi ma lasciarlo là non è facile perchè mi dice che non vuole andare. Io sono molto interessata all’home schooling anche se da un certo punto di vista mi spaventa non tanto per la socializzazione, anzi, quanto più sulle mie capacità. Inoltre vorrei sapere secondo voi è possibile praticare l’home schooling avendo un lavoro che mi occupa per 8 ore al giorno. Dalle varie testimonianze che ho letto mi sembra di capire che o la mamma è a casa o lavora da casa o part time; per me, per ora, sarebbe impossibile lavorare da casa o part-time.
    Grazie per la bella rubrica, un abbraccio.

    • Barbara grazie infinite per il tuo apprezzamento!!
      Riguardo la questione capacità: non è tanto delle nostre capacità che dobbiamo fidarci (per quanto un po’ di fiducia in noi stesse non farebbe male!) quanto in quelle dei nostri figli.
      Nella loro curiosità. Nella loro vivacità. Nei loro incessanti “perché?”.
      Ci offrono infinite occasioni per imparare. È nella loro natura apprendere.
      Da parte nostra alla fin fine la sola capacità fondamentale richiesta e’ quella di assecondarli in questo.
      In età di asilo nido poi non c’è ambiente più favorevole all’apprendimento di quello domestico. L’apprendimento passa prevalentemente attraverso l’imitazione di attività quotidiane. Gli stessi spazi del nido sono spesso allestiti in modo da “replicare” gli spazi domestici (Montessori docet). È quindi sostanzialmente indubbio che il reale ambiente domestico e il coinvolgimento nelle attività familiari quotidiane siano fonte di stimoli di prima qualità e rappresentino ottime occasioni di apprendimento.

      Sulla questione lavoro: ogni famiglia in cui si faccia educazione parentale ha la sua struttura organizzativa. Non vedo nel lavoro a tempo pieno un ostacolo insormontabile. Su chi puoi contare in tua assenza? Ogni persona che passi del tempo significativo con tuo figlio può essere per lui una valida “insegnante”. E naturalmente tu per prima lo sei già.
      Non posso entrare nel merito della vostra organizzazione familiare, ma vedo ogni giorno che anche un genitore che lavora a tempo pieno può concorrere in modo importante al processo di apprendimento dei propri figli.
      Se ti va scrivimi ancora!

  • Barbara

    Ciao Irene, approffitto ancora della tua disponibilità per porti altre domande che oltre a capire meglio come funziona, mi aiutano a capire se veramente mi sentirei pronta per questa bella avventura senza nascondermi dietro a problematiche di tempistiche.
    Io lavoro dalle 8,15 della mattina alle 4,45 del pomeriggio e mio figlio che adesso va all’asilo se decidessi di tenerlo a casa starebbe con i miei genitori ancora molto in gamba ma non più giovanissimi…il mio dubbio è che il maggior tempo “dedicato” all’apprendimento lo trascorrerebbe con i nonni che non so (perchè non ho ancora parlato con loro dell’homeshooling) se si sentirebbero in grado di assumersi tale compito. Alternativamente potrei, appena tornata a casa dal lavoro dedicarmi io con il mio Piccolo all’home schooling; ma a questo punto mi chiedo come potrei organizzarmi a meglio, considerando che tra preparare la cena, fare le varie faccende domestiche dovrei cercare anche di trovare e preparare materiale per lo studio?
    e per quanto riguarda l’inglese che, per ora, sono a zero, come potrei insegnarlo a lui?
    Scusa per tutte quese domande, e grazie mille per la gentiliezza. Un abbraccio

    • Barbara, il tuo bambino è molto piccolo. Lo stesso ambiente del nido avrà angoli organizzati in modo da ricordare l’ambiente familiare. Questo -che è un principio di ispirazione montessoriana- già ti dà la misura di quanto, in famiglia, il bambino abbia tutte le occasioni di apprendimento di cui necessita, soprattutto nei primi tre anni di vita (ma anche dopo, il senso dell’home schooling è anche imparare “dalla vita” e “nel mondo”, cioè nella concretezza della quotidianità). Ti sei assunta il compito di insegnargli a parlare, a camminare (e con te tutte le persone che lo amano e partecipano alla sua vita), credi che non è diverso, adesso.
      Quale tipo di piano di studio vorresti predisporre, per lui?
      Io credo sia sufficiente mettergli a disposizione materiali “interessanti” (puoi ispirarti al materiale didattico montessoriano e auto produrre -facendolo partecipare al progetto- quello che ti ispira di più, puoi prendere altri spunti dai materiali di gioco waldorf… e sono solo due esempi) e lasciarglieli a disposizione durante la giornata, saprà farne ottimo uso.
      I nonni gli trasmetteranno il loro sapere. La giornata con loro offrirà spunti e occasioni di apprendimento come ogni giornata vissuta (e fidati che i bambini sono in grado di riconoscerli e coglierli! Noi dobbiamo riabituarci a farlo…).
      Pensa solo al preparare la cena: pensi che cucinare con te non sia istruttivo? Cucinare è non solo un’esperienza plurisensoriale ma anche una fonte inesauribile di scoperte scientifiche (il cibo nel processo cambia forma, consistenza, diversi ingredienti mescolati si uniscono, diventano diversi da come erano in origine… pensa a quante scoperte!)
      Fidati di lui, prima ancora che di te stessa. I bambini sono fatti per imparare.
      Per l’inglese: suppongo che al nido “l’inglese” consti di gioco e canzoni. Giustamente.
      Potete cantare insieme in inglese. Se non ti senti a tuo agio a farlo da sola ci sono corsi di inglese per bambini che coinvolgono anche le mamme (e sono appunto ore di gioco e canzoni in lingua). Se guarda la tv potresti proporgli cartoni in lingua.
      Spero di averti risposto in modo soddisfacente.
      Per ogni altra cosa chiedi pure!