VIDEO – I reali bisogni dei bambini: meno oggetti, più affetti

L’annuncio dell’arrivo di un bambino, un mondo che si schiude, fatto di trepidazione, sogni, aspettative, timori…Ma subito la domanda: di che cosa avrà bisogno mio figlio?

E a questa domanda chi di noi non ha risposto con un elenco – più o meno lungo – di oggetti e accessori?

Riviste di settore e pubblicità non fanno che proporre soluzioni per il nuovo nato e la futura mamma: biberon, culle, passeggini, camerette accessoriate, prodotti per la detergenza, giochini luminosi…

Come rinunciare a tutto questo? Per il tuo bambino solo il meglio!

Ma siamo sicuri che niente sia irrinunciabile? La spesa media di una famiglia italiana nel primo anno di vita del bebè è – dice Confconsumatori – di oltre 6000 euro!

Siamo in crisi, ma NULLA vale di più del benessere del futuro nato!

Tuttavia…siamo davvero certi che la risposta ai bisogni dei bambini stia in tanti oggetti, tanti accessori?

Di cosa ha DAVVERO bisogno il tuo bebè? E tu, quanto sei “ricco” per accoglierlo?

In questo video tratto dalla presentazione di Bebè a costo zero di Giorgia Cozza a Marcon alcune risposte e diversi spunti di riflessione…

Riguardandolo ammetto di essermi commossa, perché non è sono solo l’autrice e i dati a parlare, ma soprattutto una mamma – di ben tre figli – che, attraverso un percorso personale di crescita e progressiva consapevolezza, ha compreso come, in fondo, sono davvero poche le “cose” necessarie a crescere un bambino felice e appagato.

E queste cose non hanno il cartellino del prezzo, né si trovano dietro una vetrina, o nelle pubblicità in tv.

Quelle “cose” sono dentro di noi, futuri genitori. Sono l’amore, la disponibilità, l’accoglienza, l’ascolto. Perché un bambino piccolo chiede tanto, chiede TUTTO, di giorno e di notte. E niente di quello che chiede può essere sostituito dal ninnolo o dall’accessorio.

Non c’è cameretta più accogliente e luminosa di un caldo abbraccio della mamma quando di notte è tutto buio.

Non c’è palestrina più stimolante delle braccia, del viso e del sorriso di mamma e papà che giocano con te.

E i reali bisogni del bambini non si esauriscono nei primi 12 mesi di vita…Dobbiamo essere pronti, “ricchi”, abbastanza da rispondervi anche nei mesi, e negli anni successivi. Perché nostro figlio non smetterà mai di chiederci disponibilità, ascolto e accoglienza: alla prima recita dell’asilo, al ritiro della pagella a scuola, nei difficili anni dell’adolescenza.

Ma vi lascio al video…e a qualche lacrima 🙂

 

E vi ricordo che Giorgia e il suo Bebè a costo zero saranno a Pontedera! Per parlare di spese in gravidanza e nei primi mesi e anni di vita del bambino, ma anche per incontrare i suoi lettori!

Ecco il programma con la sua partecipazione e tutti gli eventi della Fiera del Bambino Naturale!


Potrebbero interessarti anche