gift card buono regalo

Account

Username:
Password:


Non sei ancora registrato? Registrati!
Dimenticato la password? Richiedila!
 

Newsletter

Iscriviti per ricevere le news del Bambino Naturale, le promozioni e le offerte riservate agli iscritti.

Nome  
E-mail  



Il bambino e la televisione, la tua testimonianza

bambino e televisioneBambini e tivù: voi come fate?

Continua la raccolta di esperienze, per la sezione Voci di Mamma e Papà destinata al “seguito” di Bebè a costo zero.
Uno dei capitoli di Bebè a costo zero crescono si soffermerà sul rapporto tra bambini e tecnologia: televisione, videogiochi, computer, tablet, ecc., ma poiché si tratta di un argomento decisamente vasto e complesso, facciamo un passo alla volta e cominciamo parlando di… televisione!

Nella vostra famiglia che uso ne fate? Quali regole seguite? Libertà assoluta o orari limitati? E come scegliete i programmi? Ci sono mai discussioni/litigi per la tivù?
E ancora, c’è qualche mamma/papà che ha un’esperienza di NON uso della televisione? Ci raccontate?

Come sempre grazie a tutti i genitori che condivideranno un “pezzo” della loro storia di famiglia, rispondendo con un messaggio sotto a questo articolo (ricordatevi il nome e l’età dei bimbi!) o scrivendo all’indirizzo storiedialice@yahoo.it.

Grazie!

 

Giorgia Cozza

Commenti

Comment from giorgia
Data 13 maggio 2013 alle 09:55

ciao scrivo in breve la nostra esperienza,siamo in 4 mam e babbo e due bimbi 5 e 3 anni, nella nostra famiglia la tv viene vista per non più di 2 ore e stiamo larghi, molte volte non la guardiamo, quando fuori c’è il sole e si sta bene in giardino….ma l’inverno è stato lungo piovoso e molto malaticcio e li purtroppo la tv dopo varie peripezzie della mamma per inventarsi lavoretti e giochi …capanne e nascondini …la tv è un pò il momento per me di preparare la cena o riposarmi un secondo….noi adulti non la guardiamo durante il giorno …..ciaoooo gio

Comment from federica
Data 13 maggio 2013 alle 10:26

Ciao Giorgia, se ti può interessare ti mando la nostra esperienza con la tv:)
Abbiamo ridotto gradualmente e non ne sente per nulla la mancanza. Mio figlio a circa 2 anni guardava la tv dopo pranzo per mezz’ora per “riposarsi” un pò, visto che non voleva più fare il sonnellino (in realtà confesso che era anche un attimo di pausa per me) .Guardavamo solo brevi dvd scelti in italiano (viviamo all’estero e l’italiano è lingua minoritaria). Poi siamo passati a tv solo nel week end (sempre solo dopo pranzo). Da circa due mesi (ora ha tre anni e mezzo) abbiamo deciso di toglierla del tutto perchè secondo noi ha un effetto un pò troppo “eccitante” su di lui, pensiamo lo stimoli troppo. Quindi nel momento della siesta si leggono libri, ascolta audiolibri oppure gioca tranquillo in camera sua. Per noi, per il momento, funziona benissimo cosi:)

Comment from ilaria
Data 13 maggio 2013 alle 13:26

Ciao, a febbraio 2009 è nato Zaccaria; pochi mesi dopo la TV si è rotta e tra una cosa e l’altra non è mai stata ricomprata.
Quindi a casa niente Tv e solo a 3 anni, a causa della varicella, è stata introdotta con pc e proiettore la visione di cartoni semplici e corti, tipo La Linea o episodi di paperino.
Da allora cartone solo 30 min circa prima di andare a letto ed in via eccezionale, solo adesso a 4 anni finiti, il sabato e/o domenica mattina (un ora circa).
Dalle nonne divieto di cartoni e/o TV fino ad oggi; ultimamente le nonne hanno un pò abbandonato, sopratutto una, e fanno vedere al bambino cartoni, comunque selezionati (canzoni con cartone e simili).
In ogni caso, Zaccaria stesso non ama i cartoni con figure spaventose e/o troppo veloci; i preferiti sono la Linea, Ondino, Pingu, Paperino Topilino e Pippo (episodi).
Troppo lunga come al solito, ma sono contenta di aver seppure parzialmente vinto la mia battaglia contro la TV che ritengo assolutamente diseducativa anche per gli adulti, figuriamoci i bambini.
Ciao
Ilaria

Comment from arianna
Data 13 maggio 2013 alle 21:41

Due anni fa ho realizzato con una bravissima illustratrice questo volume di media education proprio per provare ed invitare ad imbastire ciascuno nella propria famiglia, già dal prescolare, le proprie “buone prassi” sulla tv, una sorta di piacevole e sano addomesticamento dello schermo Qui tutti i riferimenti (anche sul secondo dedicato al cellulare) http://www.violadelpensiero.it/medu/tv
Per entrambi ho ceduto i diritti alla casa editrice, quindi nessuna particolare auto promozione in questo senso. Ora, da mamma di una bimba che a fine agosto compirà i tre anni, sono ancora più convinta della linea “flessibile” dei tre anni per l’avvicinamento al mezzo. Prima di essa, pur comprendendo con tutto il cuore tante care amiche che tirano il fiato qualche mezzora piazzandoli davanti – nonne comprese!-, mi sento davvero in difficoltà a giustificarlo. Il flow che la tv genera è di totale rapimento del bambino e in età troppo tenera mi sembra davvero eccessivo e poco “generativo”. E non mi sto riferendo ai 3 minuti di Peppa o Pimpa una volta alla settimana, ma di un uso più permanente. Quei tre minuti possono, inoltre, essere goduti in modo meno invasivo dal pc o dallo smarthphone che il genitore può impostare senza generare ulteriori aspettative di altri episodi o prodotti. Personalmente ho deciso che arriveremo ai tre anni vedendo ogni tanto dieci minuti dal dvd di Ernest e Celestine (un gioiello dell’immagine e della fantasia) di cui in parallelo stiamo leggendo la storia su cartaceo così da ridurre al minimo il rapimento dell’immagine sonora in movimento. Lavoro da anni in ambito di critica e programmazione cinematografica, con molta attenzione alla tv, ma personalmente penso che la letteratura sia da prediligere in grande quantità nel prescolare rispetto ai cartoon e affini che potranno abitare con maggior intensità età successive, più solide e capaci di affrontare il flusso delle emozioni. In ogni caso nessun giudizio per nessuno: non è mai facile. Ma già chiedersi come la stiamo usando è un gran bel regalo per tutti:)

Comment from Nicoletta
Data 14 maggio 2013 alle 07:24

Fosse stato per me mia figlia (di quasi 4 anni) la tv non l’avrebbe mai guardata: mi limitavo a brevi cartoni scaricati da internet in italiano o lingua straniera perché così c’era il doppio vantaggio di poter riguardare la stessa cosa tante volte quante mia figlia le chiedeva e di limitare a mezzora questa attività (diventava un gioco come un altro, condiviso con me). Purtroppo però sia il babbo la sera (che si piazza alla tv dopocena), ma soprattutto le nonne, l’hanno abituata a quest’altro approccio, che è molto più passivo. Nell’inverno passava anche 3 ore su rai YoYo, che propone cartoni abbastanza tranquilli, ma è il fatto di piazzarsi lì passivamente che non mi piace. Ora che c’è il sole, la guarda giusto per un’oretta all’uscita dalla scuola, prima di tornare a giocare con gli amici. Ci ho sofferto molto ed ho anche litigato con le nonne perché avrei preferito che seguissero la mia linea, ma alla fine ho visto che la bambina ci soffriva ed ho preferito accontentarla spiegandole comunque le mie motivazioni. Ciò che detesto della tv è proprio la passività. Alla tv si mette lì e sta immobile, come rapita, mentre il dvd conosciuto e visto mille volte, lo vive diversamente: lo tiene magari di sottofondo e nel frattempo gioca con le bambole, colora…insomma usa la sua fantasia!

Comment from Giorgia
Data 14 maggio 2013 alle 07:36

Grazie a tutte le mamme!
Chi non ho l’ha inserito mi può segnalare il nome e l’età dei bimbi? Grazie! Conservo tutte le testimonianze per il libro :)

Comment from Dewi
Data 14 maggio 2013 alle 09:28

Ehm..ora inorridirete ma ho iniziato a far vedere qualche cartone a mia figlia intorno ai 5 mesi, per vedere come reagiva. Ovviamente guardava e non, mentre giocava. Poi intorno ad un anno per farla addormentare mettevamo dei video sul pc sempre di cartoni con le canzoncine. E ora che ha 2 anni li vede abbastanza spesso, sia a casa che dalla nonna, Peppa, Pingu e questi semplici. Comunque ha imparato un sacco di vocaboli e pure i numeri, lo so che è una cosa che devono fare i genitori e non la tv però ormai è andata. Vorrei ridurre e spero che con l’estate staremo molto meno a casa. (Comunque l’effetto eccitante purtroppo alcuni ce l’hanno, infatti a volte la notte nel sonno dice qualcosa che ha visto tipo “oh no! la tigre è caduta!”)

Comment from Dewi
Data 14 maggio 2013 alle 09:29

Ops scusa mia figlia si chiama Alice!

Comment from massimo
Data 14 maggio 2013 alle 15:35

la tv non è presente nella nostra casa. usiamo il PC.
il computer Anita (che ha 2 anni da poco) lo conosce da tanto tempo, infatti lo usiamo quasi tutte le sere per salutare i nonni lontani su skype. Anita sa che se muove il mouse o se batte sulla tastiera qualcosa succede e allora le abbiamo preso un computer giocattolo, così usa quello e non rischia di rompere quello di mamma e papà. Usando il PC possiamo decidere noi cosa farle vedere e per quanto tempo. non ci sono pubblicità (già adesso se vede la tv si incanta davanti alla pubblicità) e possiamo farle vedere quello che riteniamo vada bene e quando vogliamo noi. Abbiamo iniziato con i cartoni musicali dello zecchino qualche minuto prima di cena, adesso siamo alla pimpa e a qualche episodio di Fantasia.
fin da piccolina vede attraverso lo schermo immagini e riceve input. rarissimamente da sola (magari il tempo di prepararle la cena) e comunque dopo circa 10-20 minuti si stanca e si alza da sola.
ovviamente la visione tende ad essere ipnotizzante, però è anche vero che dopo un pomeriggio intero passato al parco a giocare e correre su e giù, ci può stare un pò di camera di decompressione.
mai, tranne qualche volta coi nonni, mangia davanti ad un cartone e la sgridiamo se non sta ad almeno 3 metri dallo schermo.
insomma, stiamo cercando di usare il mezzo con un pò di pragmatismo, consapevoli che se non si esagera non succede nulla (come per quasi tutte le cose) e che sia inutile nascondere ad un nativo digitale l’esistenza del PC (come del telefono, ecc ecc).

Comment from Paola
Data 15 maggio 2013 alle 19:32

Sammy (5 anni) e Chris (3 anni e mezzo). Non avevano mai visto tv fino a Natale scorso (6 mesi fa) quando la scuola materna e i piccoli amici del più grande ci hanno “costretto” ad allinearlo con la visione – sempre in nostra compagnia – prima di alcuni episodi brevi in dvd in inglese o in italiano di storie che già conoscevano e dopo qualche mese anche di cartoni “in tv”, guardando e commentando con noi quelli più pubblicizzati dagli amici a scuola (es. gormiti e winx,) che solitamente non guardiamo ma che abbiamo fatto conoscere perché a scuola stavano emarginando il più grande a causa del fatto che non sapeva di che cosa stavano parlando gli amici, non sapeva “simulare giochi con le armi” ecc. Purtroppo non si può sfuggire alla realtà in cui viviamo e nostro malgrado abbiamo dovuto ammettere che forse vale la pena far conoscere “criticamente” e in maniera misurata il mondo che ci circonda. Comunque niente Tv durante la settimana (nemmeno babbo e mamma) ma solo un paio d’ore sabato e domenica (se piove in particolare, sennò parco). Ci dispiace per il più piccolo, che poteva stare ancora un anno senza vedere tv, ma stiamo sempre con loro mentre stanno davanti allo schermo (così ci rilassiamo un po’ anche noi insieme a loro). Anche il pc lo mostriamo poco (solo per far vedere foto o video brevi di canzoni ecc.). Non utilizziamo il cellulare in loro presenza, sanno che cos’è ma non li abbiamo mai fatti parlare con nessuno tramite cellulare, pur avendo tutti i parenti lontani (viva il telefono fisso). Videogiochi e strumenti simili ovviamente ancora no.. bicicletta, monopattini e passeggiate ancora si.. speriamo che duri!

Comment from Giorgia
Data 16 maggio 2013 alle 08:52

Grazie!

Massimo, una voce di papà… che gioia :)

Comment from milena
Data 17 maggio 2013 alle 14:19

Da quando è nata la piccola Chiara siamo stati così assorbiti da lei che il nuovo televisore che avevamo comprato prima del suo arrivo non lo abbiamo più acceso!!Tanti libri,giochi insieme,tantissima aria aperta,anche con la pioggia…e la tele l’abbiamo dimenticata.Non ne sentiamo proprio l’esigenza.inoltre avevo letto che prima dei 3 anni è meglio non esporre i piccoli alla sua visione.A 2 anni e 8mesi abbiamo dovuto però introdurre il computer per farle fare l’aerosol (che lei odia)e nel frattempo abbiamo visto un po’ di cartoni della pimpa,senza pubblicità e sempre in braccio a mamma e papà per un tempo massimo di un ora.Con l’arrivo della primavera però non chiede quasi più di vederla,il giardino e le attività insieme la interessano di più!!Speriamo duri.

Comment from Alessia
Data 24 maggio 2013 alle 16:19

Abbiamo eliminato la tv dall’arredamento di casa da ormai 4 anni. L’ultimo anno l’avevamo passato ad usarla solo per giocare con la Playstation ogni tanto. Da quando è nata Ecate non ci ha sfiorato l’idea di riprenderla, anzi siamo sempre più soddisfatti della scelta. Scegliamo assieme a lei i cartoni da guardare sul computer, una o due volte al giorno. Anche se lei ha le preferenze, cerchiamo di proporle spesso qualcosa di nuovo ed educativo ai nostri occhi. Di solito guardiamo due puntate, rigorosamente assieme e commentando ciò che succede con lei. Poi torniamo a giocare.

Comment from Giorgia
Data 24 maggio 2013 alle 18:32

Grazie Alessia! Ecate ha 4 anni?

Comment from Alessia
Data 28 maggio 2013 alle 06:07

Ciao Giorgia, Ecate fa 3 anni ad agosto.

Comment from Sara
Data 22 agosto 2013 alle 18:24

piccola premessa: mia mamma era iscritta a pedagogia quando sono nata, e ha scelto di non farmi vedere tv fino a una certa età.
Non ho ricordi precisi, ma ricordo bene che la prima volta che ho visto una tv accesa prima delle 14, è stato quando c’era la Guerra del Golfo (avevo 9 anni credo)-
Per il resto, i documentari di Piero Angela e poco altro; i cartoni li vedevo o al cinema, o su VHS noleggiati (i miei preferiti me li registravano -l’audio ovviamente- su cassette, e me lo riascoltavo mentre giocavo);
i primi cartoni in tv li ho visti dai 6 anni circa.

da adulta poi l’ho guardata, anche troppo (es. a casa da sola, prima cosa che facevo era accenderla; o la tenevo di sottofondo mentre facevo altro, o la usavo per addormentarmi se soffrivo d’insonnia)-

Quando è nata mia figlia l’ho di nuovo eliminata:
perchè penso che un neonato sia distratto negativamente da quello che vomita in continuazione lo schermo, e sovrastimolato (da contenuti tra l’altro che NON hanno come obbiettivo l’educare un bambino…).
Attorno all’anno di età mi è successo di restare a casa da sola per molte ore, con la bambina, e la febbre alta: non riuscivo neanche ad alzarmi dal letto, non sapevo che fare: ho messo un cartone, particolarmente tranquillo, e l’abbiamo guardato assieme, le ho spiegato prima la storia, ecc, quasi come guardare un libro.
Ho sempre cercato di tenerla come una cosa occasionale, anche perchè attorno ai due anni di età ho notato una specie di dipendenza da parte sua, soprattutto coi cartoni ad episodi, ne chiedeva sempre un’altro, un’altro, e la mattina dopo svegliandosi era la prima cosa che mi chiedeva! (ma non ho mai fatto vedere cartoni di mattina)

Allora le ho spiegato che ero preoccupata, e le cose si sono sistemate…
ora Alma (4 anni e mezzo) vede circa 1 lungometraggio di animazione -o due episodi consecutivi- durante la settimana, a volte cinema durante il weekend, o documentari che le interessano o programmi che guardo io, sul pc ovviamente, visto che la tv non l’abbiamo da quando è nata, appunto-

penso che esistano cartoni animati o programmi migliori o peggiori, ed alcune trasmissioni interessanti siano effettivamente trasmesse in tv…. ma non tollero il flusso continuo 24/24, la quotidianità, gli orari “decisi” dalla tv stessa, la contiguità di contenuti adatti e non adatti ad un determinato target, e la pubblicità (con tutto il sessismo di cui è infarcito ogni spot rivolto ai minori)
tutti questi aspetti a mio avviso negativi, con pc e dvd sono considerevolmente ridotti.

Inoltre nel nostro caso abbiamo sfruttato cartoni e video scelti ad hoc per motivi didattici, essendoci trasferiti all’estero e volendo imparare una nuova lingua.

Comment from Fabiola
Data 23 agosto 2013 alle 00:49

:) Noi la tv l’abbiamo tolta, nel senso che per varie ragioni abbiamo totalmente staccato l’antenna.
La mia bimba ha due anni il 9 di dicembre e ieri ho provato a farle vedere Totoro, per vedere cosa accadeva, in sostanza le è piaciuto anche se correva per il salotto a volte ci guardava dicendo qualche parola ( in prevalenza MAMAO), io e mio marito eravamo li sul divano a commentare il film e credo che fino ai 6 anni preferiremo fare così.
La tv non mi piace, ma ci sono alcuni cartoni che trovo davvero belli, anche se la Disney non credo arriverà prima dei 3 anni… Alcuni cartoni anche quattro e altri in futuro.
Siamo contenti di averla tolta, la nostra bimba inevitabilmente è molto attratta anche dalla tecnologia in genere, so solo che il cellulare prima della terza media non arriverà! e gli altri extra saranno ben controllati e passati a setaccio da me :)
Non sono molto tecnologica come persona anche perchè il Coltan provoca gravi danni nel Congo e senza Coltan le batterie che vengono prodotte non hanno la stessa efficacia, praticamente viene usato ovunque ( sono riuscita anche a fare a meno del cellulare :P ).
Perciò penso che anche per la tecnologia in futuro, tutto sarà molto controllato e consapevole anche se crescendo il quest’epoca sarà davvero dura andare contro una generazione sempre più assuefatta.
Cercheremo di cercare di usare il buon senso in ogni situazione, in modo da trovare la soluzione più equilibrata.
Comunque lei ha vissuto bene anche senza fino ad ora, e credo che i cartoni per l’infanzia ( dora l’esploratrice- i teletubbies etcc) siano totalmente demenziali. Per cui non la useremo mai come un ripiego ma come un approccio attivo per divertirsi insieme.

;)

Comment from Veronica
Data 23 agosto 2013 alle 06:59

Ho deciso di rinunciare alla TV mentre ero incinta, ci siamo posti il problema del “diverso da tutti” ma poi abbiamo pensato che avendolo chiamato Orlando già l’avevamo fregato in partenza.
Sinceramente ho deciso di rinunciare perché le serie tv sono una mia grande debolezza e sarebbe stato pressoché impensabile che io resistessi dal propinargli FOXlife 24h/24 avendo la tv lì a portata di mano. Ciao a tutti, mi chiamo Veronica e non ho Sky da 23 mesi.
Olly adesso ha un anno e mezzo, a casa la tv non esiste e noi genitori guardiamo serie tv in inglese dopo che si è addormentato (chissà quale effetto avrà sul suo inconscio). Alle nonne non ho posto limitazioni ma sinceramente non l’ho mai visto una volta stare a guardare la tv, il massimo dell’interazione è che si metta a ballare durante le sigle e poi prosegua con i suoi giochi e i suoi librini. Ha iniziato da poco a parlare e imita molto il nostro linguaggio usando parole magari un po’ improbabili per la sua età ma in modo spassosissimo. La nonna ha risolto magistralmente tutti i problemi di socializzazione prendendogli due librini della “Pe-Pi” cosicché al parco può tranquillamente interagire con il merchandising pervasivo del celebre cartone.
Mi ritengo una madre molto fortunata perché mio figlio è in grado di intrattenersi da solo con i suoi giochi per tempi molto lunghi, anche più di un’ora, il che mi permette di dedicarmi al lavoro o ad altre incombenze (e a volte, addirittura, di leggere un libro!) interrotta solo ogni tanto dalle sue domande o da qualche coccola veloce. Non so dire se questo atteggiamento autonomo e immune alla noia sia nato in lui dall’assenza di stimolazioni intense e continue date dalla tv, ma mi piace pensarlo.

Comment from Giorgia
Data 23 agosto 2013 alle 07:42

Grazie a tutte le mamme che hanno lasciato una nuova testimonianza, posso chiedervi di segnalarmi il nome e l’età di tutti i bimbi? GRAZIE! :))))

Commenta






+ 5 = 9

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.