gift card buono regalo

Account

Username:
Password:


Non sei ancora registrato? Registrati!
Dimenticato la password? Richiedila!
 

Newsletter

Iscriviti per ricevere le news del Bambino Naturale, le promozioni e le offerte riservate agli iscritti.

Nome  
E-mail  



Le malattie dei bambini da un nuovo punto di vista

libro su malattie bambiniLe sale d’attesa degli ambulatori pediatrici, da settembre a maggio, sono gremite di piccoli pazienti affetti – dall’autunno fino a primavera inoltrata – da disturbi ricorrenti, per non dire cronici: raffreddori, otiti, adenoiditi, riniti allergiche.

Frotte di bambini che respirano a bocca aperta, oppressi da catarro per non meno di sei mesi l’anno, trattati con aerosol e medicinali di varia natura senza apprezzabili risultati.

Affezioni, quelle delle alte vie aeree, che affliggono soprattutto i piccoli delle Paesi occidentali, accompagnati da altre disfunzioni in apparenza scollegate dalle prime, ma che – a un’analisi più attenta e approfondita – tanto slegate non sono: denti storti, deficit di attenzione e iperattività.

Un quadro che tocca i bambini nati negli ultimi decenni, a partire dagli anni Settanta-Ottanta, sconosciuto prima di allora…Che cosa è cambiato? Perché a un’apparente miglioramento degli stili di vita è seguito un peggioramento così tangibile delle condizioni di salute dei più piccoli?

Impossibile non imputare parte della responsabilità (se non tutta) agli enormi cambiamenti delle abitudini e dei ritmi quotidiani, non solo di vita, ma anche nell‘alimentazione della popolazione occidentale. Impossibile non chiedersi come questa rivoluzione abbia di fatto contribuito alla comparsa dei disturbi cronici che affliggono i nostri figli durante l’inverno.

In questo nuovo e affascinante libro del Bambino NaturaleIl giusto respiro – il dottor Andrea Di Chiara (odontoiatra, agopuntore, perfezionato in occlusione e postura in chiave kinesiologica, esperto in strategie per la rieducazione respiratoria dei bambini adenoidei/allergici/respiratori orali, nonché nostro esperto e curatore della rubrica A bocca aperta) propone un’ottica rivoluzionaria e di certo provocatoria rispetto alle malattie dei bambini moderni, offrendo un punto di vista più approfondito e sottile che parte dalla sostanziale analisi e critica del nostro stile di vita.

Domanda Di Chiara: “Avete mai avuto modo di osservare la fotografia di una classe scolastica della prima metà del Novecento? Classe numerosa, tutti magri, con i calzoni corti anche d’inverno. Nella vecchia foto non ci sono obesi e tutti respirano col naso a bocca chiusa. La differenza rispetto a oggi è stridente. Come mai oggi esiste una larga percentuale di bambini sovrappeso o addirittura obesi? Come mai la maggior parte dei bambini oggi, per poter respirare, deve tenere la bocca aperta? Come mai gli studi dei pediatri sono invasi da bambini con l’otite, l’adenoidite, la tonsillite, il raffreddore perenne, i denti storti, il deficit dell’attenzione e l’iperattività, mentre prima tutto questo non esisteva?

La risposta non è rassicurante, perché Di Chiara preferisce non parlare dei disturbi succitati singolarmente, ma di un’unica sindrome: la sindrome da disadattamento, figlia – è pressoché evidente – di uno stravolgimento degli stili di vita e delle abitudini alimentari incompatibile con la nostra biologia…

E aggiunge: “Il loro [dei bambini] respiro non è più il naturale automatismo previsto dalla natura per garantirci la vita; è invece il segno di una situazione di emergenza. Respirare con la bocca è la cifra di un profondo disagio sofferto dal bambino, che coinvolge la sfera psichica, neurologica, endocrina, digestiva e immunitaria.”

Il giusto respiro si rivolge quindi ai genitori che desiderino ripristinare la salute e il benessere dei loro bambini partendo da una nuova consapevolezza e da sane abitudini di vita, che possono nascere e svilupparsi solo in famiglia.

Da oggi il nuovo libro del dottor Andrea Di Chiara è disponibile online. Ordinalo subito!

 

Commenta






3 + = 10

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.