Pan di Spagna vegano: per un pranzo di Natale in famiglia!

Il Natale è nuovamente alle porte e tutti si stanno preparando per i regali, gli addobbi, il cenone e il “pranzone“.

Quest’anno proviamo a cambiare qualche abitudine, stupiamo con regali alternativi e piatti vegani!

Cerchiamo oggetti creati riciclando materiali, evitiamo pellicce nelle bordure delle giacche, cappelli, borse, stivali…

E’ ancora difficile trovare persone che abbiano cambiato la loro mentalità: giovani donne indossano non di rado capi in pelliccia, e bambini ignari hanno giacconi con bordure in pelle… Ormai tutti, o quasi, dovrebbero sapere in che modo sono stati ottenuti quei capi!

Ed è ancora più difficile trovare  buffet che non contengano derivati animali. Personalmente, se devo partecipare a qualche evento che contempli un rinfresco, o mi porto qualcosa da casa … o rimango a “becco asciutto” 😉

E’ vero, però, che sono in aumento i locali che propongono piatti vegan, e proprio stamattina mi sono stupita nel leggere che un bar “classico” proponeva un cappuccino di soia! E sempre più spesso nei supermercati si possono trovare anche biscotti  e brioches vegan…

Ma tutto questo non avviene perchè si è davanti ad una vera e propria presa di coscienza! Molti hanno fiutato il busness e fanno delle scelte semplicemente legate al profitto…Ma è pur sempre un inizio, e non posso dimenticare che a fronte di quelli che scelgono veg per benefici economici, altri  lo fanno per scelta di vita e passione. E’ questo aspetto che forse non viene preso in considerazione: il veg è una scelta di vita.

Questo pranzo di Natale lo trascorrerò con le stesse persone di famiglia che non mancheranno di portare in tavola affettati e arrosti (che nessuno mangerà per eccesso di cibo!! ) e io porterò i miei piatti.

Da quando sono diventata vegana non ricordo una sola occasione in cui, per un pranzo o cena, a Natale o a Pasqua, si sia potuto rinunciare agli “animali in tavola”. Pazienza, io persevero e mia figlia mi segue, questo è importante, perchè guardando nei piatti altrui vede “animali morti” e violenza, e non cibi gustosi.

Mi impegno a scovare e  preparare piatti stuzzicanti e appetitosi, salati e dolci, li propongo e continuo sulla mia strada.

Certo, chi è abituato ai gusti del burro-latte-uova sentirà un gusto più leggero e potrà ritenere che sia “meno saporito”. La palatabilità è diversa  e, se non ci si è disintossicati almeno un po’ e non si fa il “salto” etico, non si possono apprezzare fino in fondo i piatti vegan. Un palato assuefatto ai gusti forti degli alimenti animali deve abituarsi a poco a poco ai nuovi sapori vegani…

La torta salata “classica” e quella vegan non possono avere lo stesso gusto, e per fortuna aggiungo io!

Tutto questo mi sprona a sperimentare sempre per trovare alchimie di gusti nuovi e più rotondi.

E’ il caso di una nuova ricetta per pan di spagna che hanno segnalato sul gruppo genitori veg che seguo su facebook. Un ottimo dolce per un Natale vegano! E’ di una donna che ha un blog (naturalmente Stefy) ed è davvero semplicissima:

200g di farina

100 g di fecola di patate o amido di mais

150 g di zucchero di canna

80  g di olio di mais

1 bustina di cremor tartaro o lievito per dolci

250 ml di acqua tiepida

Mescolare tutti gli ingredienti e infornare in forno già caldo a 150°C per una mezz’oretta ( conviene controllare con lo stuzzicadenti la cottura, ma a me è sempre bastata mezz’ora ).

Semplice vero??

Viene buona, leggera e versatile perchè poi la potete farcire come più vi piace e variare la ricetta per modifiche dettate dalla fantasia e dai gusti.
Io per ora l’ho provata anche con zenzero, cannella e uvette e del latte di soia alla vaniglia (ormai sapete che mi piace per i dolci ) al posto della semplice acqua : ottima davvero!!

Questo intendo per “buono”. In tutti i sensi. Natale sarà così per me e mia figlia: gusti semplici, buoni, naturali.

Clara D’Attorre


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento