Crescere i bambini senza pregiudizi culturali, il libro a Roma

Crescere i bambini è un lavoro meraviglioso e difficile. Non solo perché – specie con il primo figlio – ci costringe a rivedere la nostra vita, a ripercorrere la nostra infanzia, a metterci in contatto con un essere tanto atteso ma sconosciuto, ad affrontare sfide pratiche ed emotive quotidiane.

Crescere i bambini molto spesso è difficile perché molti sono ancora i pregiudizi culturali che remano contro l’istinto delle madri. Quello di “stare con” il bambino, accoglierne le richieste e i bisogni fondamentali di contatto, allattamento a richiesta, sonno condiviso.

Troppe volte ci è capitato di sentirci inadeguate perché “questo non si fa”, “così lo vizi“, “ha già capito tutto, il furbetto”…Frasi che colpiscono e lasciano il segno, facendo vacillare la sicurezza in se stesse e nelle proprie competenze di madri.

Si tratta di pregiudizi duri a morire, secondo cui educare un bambino significa – innanzitutto – educarlo all’indipendenza immediata, a scapito dei suoi bisogni e a favore delle aspettative e delle necessità dell’adulto.

Per dare fiducia alle mamme, e in difesa dei bisogni primari dei più piccini, Alessandra Bortolotti – psicologa perinatale – ha scritto l’ormai notissimo e richiestissimo E se poi prende il vizio?…E le cose hanno incominciato a cambiare!

Finalmente qualcuno che dà voce non solo alle mamme, ma soprattutto ai bambini! Ce n’era un gran bisogno, viste le tappe di presentazione che – da dicembre 2010 – continuano a susseguirsi in tutta Italia.

Nei prossimi giorni Alessandra sarà a Roma, per un incontro davvero speciale. Giovedì 3 aprile presenterà il suo libro nel Giardino di Lulù, l’asilo nido/ludoteca fondato da Niccolò Fabi e la compagna in memoria della loro piccola Olivia, scomparsa tragicamente nel 2010.

Un’emozione grandissima per Alessandra (che con la sua presenza vuol dare un contributo alla Fondazione Parole di Lulù), un’enorme soddisfazione per noi, scoprire che il suo libro è arrivato tanto “lontano”…

L’appuntamento è per le ore 17 presso Il Giardino di Lulù, via F. Pais Serra 11, Roma, per parlare di allevamento dei bambini in piena libertà dai pregiudizi culturali e secondo le loro esigenze imprescindibili.

L’ingresso è gratuito, ed è gradita la prenotazione scrivendo a lulu@ilgiardinodilulu.it o chiamando lo 0643418005.


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.