Crescere i bambini nel rispetto, il caso Carrefour

Diventa sempre più difficile crescere i nostri bambini nel rispetto dei loro bisogni e dei loro tempi, oggi che va diffondendosi in maniera subdola e strisciante una cultura contro l’infanzia, la sua purezza e meravigliosa natura, che i nostri bambini sono esposti a sollecitazioni di ogni tipo attraverso i media e la pubblicità, sollecitazioni più grandi di loro, come ad esempio l’ultima campagna pubblicitaria dei costumi Carrefour, rivolta alle bambine dai 9 ai 14 anni.

Bikini con coppe imbottite, presentati da baby-modelle in pose sproporzionate rispetto alla loro età, che indossano costumi non adatti alla loro età.

Per questo motivo il Movimento per l’Infanzia, nella persona del Presidente Andrea Coffari, ha scritto una lettera all’azienda, chiedendo il ritiro dell’articolo in quanto lesivo della dignità e dell’innocenza delle bambine.

Noi sottoscriviamo con forza lo scritto, di cui riportiamo il testo di seguito, e preghiamo i nostri lettori di condividerlo e diffondere la denuncia, per fermare ogni strumentalizzazione dell’infanzia.

Spett.le Carrefour, sono Girolamo Andrea Coffari vi scrivo in qualità di presidente del Movimento per l’Infanzia
Abbiamo appreso che sono in commercio dei reggiseni imbottiti, destinati a bambine dai nove anni in sù, che hanno, in altri paesi europei, destato perplessità e proteste a causa della precoce ed innaturale erotizzazione del corpo delle bambine.

 

Vi chiediamo se questi reggiseni sono ancora in commercio e, in caso di risposta affermativa, vi chiediamo di ritirarli perchè veicolano un pericoloso messaggio di strumentalizzazione dell’innocenza delle bambine e alimentano una cultura perversa.

Abbiamo pubblicato questa lettera nella pagina fb del Movimento per l’Infanzia  – e, prima di assumere altre iniziative, restiamo in attesa di una vostra cortese risposta.

Distinti saluti

 

Girolamo Andrea Coffari, presidente del Movimento per l’Infanzia


Potrebbero interessarti anche

Una replica a “Crescere i bambini nel rispetto, il caso Carrefour”

  1. Erika scrive:

    Ricordo piú di 10 anni fà, ero in vacanza ad Ischia, vendevano costumi a perizoma x bimbe da 1 anno in su, io ero scioccata… Le spiagge erano piene di bimbe che li indossavano. Scioccante che li vendevano, ma peggio i genitori che li facevano indossare!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.