Uno spazio a misura di mamma e bambino a Roma

Nasce a Roma L’alveare, un coworking e uno spazio baby a misura di mamma e bambino.

Il coworking con spazio baby L’Alveare è pensato per permettere ai neogenitori di tornare a lavorare dopo la nascita del bambino (a partire dai 4 mesi) condividendo un luogo di lavoro ma anche un luogo di accudimento e cura, contrastando la tendenza imposta dall’attuale mercato del lavoro, che rende spesso difficile la conciliazione fra tempo per il lavoro e tempo per la famiglia.

Il progetto è promosso dall’associazione Città delle mamme, che opera a Roma da anni nel sostegno genitoriale con progetti come il CineMamme, il MammaCaffè, un progetto web di una mappa interattiva dei luoghi mamma-friendly, nell’attivazione di spazi verdi in forma partecipata (community garden), collabora inoltre a progetti per una educazione senza stereotipi ed ha associazioni affiliate sparse in tutta Italia.

Due anni fa l’associazione ha partecipato al bando “Call for social ideas” promosso da Italia Camp e Unicredit con un progetto per la creazione di un Coworking con spazio baby. Nel settembre 2013 il progetto è risultato fra i vincitori della call, a livello nazionale. I locali sono stati concessi in convenzione dal Comune di Roma Capitale attraverso il Dipartimento promozione, sviluppo e riqualificazione delle periferie.

Il coworking sarà aperto non solo ai neogenitori ma anche a professionisti senza bambini, associazioni, cooperative e aziende. Ugualmente lo spazio baby sarà aperto anche a utenti non fruitori del coworking.

Le aziende avranno la possibilità di convenzionarsi con il coworking per il telelavoro e per il periodo di rientro dalla maternità delle lavoratrici dipendenti (soluzione ideale per tutte le aziende sprovviste di nido).

All’interno del coworking sarà attiva una community per condividere le modalità lavorative, coprogettare servizi e attività, stimolare la creazione di sinergie e l’adozione di buone pratiche di cooperazione fra le diverse professionalità.

Le attrezzature tipiche di un ufficio (pc, stampanti, proiettori, programmi, ecc.) saranno a disposizione delle coworkers, così come servizi “salvatempo” (spesa a domicilio, gruppi di acquisto, disbrigo pratiche).

Lo spazio sarà sfruttato anche per l’organizzazione di corsi di formazione professionale, di orientamento al lavoro, di progettazione europea e di lingue, in collaborazione con enti formatori, cooperative sociali, istituti di lingue.

Un noto proverbio africano recita “per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”, ed è proprio ciò che vuole offrire lo spazio dedicato ai bambini del progetto L’Alveare: uno spazio di comunità e condivisione, dove i genitori possano trovare un sostegno professionale nella gestione quotidiana del proprio figlio. Qui il bambino potrà socializzare con i pari, sperimentare attività e laboratori stimolanti, sviluppare relazioni significative, non allontanandosi necessariamente per tante ore dal genitore; promuovendo un concetto di educazione condivisa e non delegante, che tenga conto delle esigenze di mamma e papà, ma soprattutto dei bisogni del bambino.

Lo spazio baby può ospitare bambini dai 4 a 36 mesi. Fino al compimento del dodicesimo mese, è vincolante la presenza del genitore in struttura, che potrà usufruire contemporaneamente dei servizi di formazione e lavoro del coworking.

I vantaggi di tale organizzazione sono:

– flessibilità, con pacchetti personalizzati in base alle esigenze della famiglia;
– costi contenuti;
– la possibilità di proseguire l’allattamento materno;
– il piccolo gruppo educativo, di massimo 12 bambini presenti contemporaneamente, che favorisce lo sviluppo delle abilità linguistiche e sociali;
– attività didattiche in base alla fascia d’età;
– la possibilità di frequentare corsi, incontri di gruppo e consulenze individuali professionali su temi inerenti alla genitorialità e all’infanzia.

Il progetto psico-pedagogico è incentrato principalmente sull’accoglienza di tutto il nucleo familiare, sul rispetto dei tempi di crescita e dei bisogni di ciascun bambino. Lo spazio baby dispone di un ampia area esterna, dove giocare e fare attività di giardinaggio e orticoltura, e di servizi igienici adeguati all’età. Le educatrici sono professioniste laureate in ambito psico-socio-educativo e con esperienza pluriennale.

Per ulteriori info:

allattamento-al-seno


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.