Utilizzo e preparazione dei fiori di Bach

Questa settimana, come anticipato, volevo soffermarmi sulle svariate modalità di preparazione, dosaggio e assunzione dei fiori di Bach.

Se l’assunzione orale è la più nota per trattare le difficoltà di natura emotiva, esiste anche la possibilità di utilizzare i fiori di Bach per via esterna, sotto forma di compresse, bagni, creme e lozioni. Questa modalità è molto indicata nel sostegno di problematiche di natura fisica, per esempio nel caso di eruzioni cutanee, infiammazioni ghiandolari, contratture eccetera.

Una volta scelti i rimedi più adatti, ecco allora tutti i metodi per utilizzarli.

Metodo del bicchiere d’acqua
Si utilizza per gli stati acuti, oppure per un’assunzione quotidiana a breve termine.
In un bicchiere d’acqua vanno versate 2 gocce dei rimedi scelti (4 nel caso del Rescue Remedy), da sorseggiare al bisogno, oppure durante la giornata.
Ad esempio, si può preparare un bicchiere con 4 gocce di Rescue per tranquillizzare il bimbo che si sveglia di notte spaventato, oppure un bicchiere con 2 gocce di Olive, per favorire il recupero delle energie fisiche.

Metodo del flacone di somministrazione
E’ il metodo di utilizzo più comune, indicato per il trattamento di problemi di natura cronica o che comunque perdurano da un po’ di tempo.
In una boccetta contagocce da 30 ml riempita di acqua minerale naturale, vanno versati:
– 2 gocce di ognuno dei rimedi (4 nel caso del Rescue Remedy)
– 2 cucchiaini di brandy come conservante. Per i bambini si consiglia di non mettere nulla o di usare l’aceto di mele nella dose di 4 cucchiaini.
La dose, sia per gli adulti che per i bambini, consiste in quattro gocce da assumere quattro volte al giorno sotto la lingua, possibilmente a digiuno o dopo 3/4 ore dai pasti.

Creme

In commercio esiste già una crema di fiori di Bach, confezionata all’origine, composta dal Rescue Remedy e Crab Apple; è facile e comodo prepararla direttamente in casa, se si hanno i singoli rimedi, oppure può essere interessante creare delle miscele personalizzate in funzione delle proprie esigenze.

A tale scopo, è importante procurarsi una base neutra preparata con ingredienti naturali; le linee verdi, eco-bio dei vari supermercati sono un buon compromesso qualità prezzo e spesso più naturali delle creme base vendute in farmacia.
Le dosi sono: 1 goccia di ogni essenza, ogni 10 ml di crema.
Per 100 ml, bastano in generale 7 gocce e per quantità maggiori non si superano le 10.
Una volta aggiunti i rimedi alla crema si deve mescolare il tutto in senso orario con un bastoncino di legno.
Si sono ottenuti ottimi risultati nel caso di herpes, dermatiti, traumi e psoriasi, in quest’ultimo caso associati all’assunzione orale.

Compresse e cataplasmi
Si utilizzano soprattutto nel trattamento di problemi agli occhi.
La dose è 7 gocce di ogni fiori, ogni 500 ml di acqua.

Bagni
I bagno serali in acqua mista alle essenze dei fiori di Bach sono indicate in caso di esaurimento e per alleviare la tensione e lo stress.
Si consigliano 5 gocce di concentrato dai flaconi prescelti, 10 nel caso del Rescue Remedy.
Particolarmente indicate per questa modalità di utilizzo sono Olive e Elm.

In generale, soprattutto per chi non ha molta esperienza con i fiori di Bach, si consiglia di non inserire più di 5 o 6 rimedi per volta.

Beatrice Castelli


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.