Il fiore di Bach per il bambino distratto

Quale fiore di Bach può aiutare il mio bambino distratto e sognatore?

La Clematide Vitalba è una pianta rampicante molto comune anche in Italia. Non ha una struttura centrale, ma lunghi gambi che nella loro crescita esplorano tutte le direzioni nel tentativo di ergersi verso il cielo e allontanarsi dal suolo.

Le radici sono difficili da individuare, non ha un legame forte con la Terra; anche il suo aspetto è etereo e fragile, minuscoli fiori bianchi crescono sulle sommità e nell’insieme danno l’impressione di una nuvoletta sospesa.

Bach iniziò ad utilizzare Clematis come rimedio per trattare un’epidemia di influenza in cui la persona colpita sembrava perdere l’interesse per la vita e chiudersi, come se avesse trovato, in se stessa, un altro posto per vivere.

I bambini che corrispondono a Clematis sono molto dolci e dotati di grande fantasia. Inventano storie fantastiche, adorano disegnare, dipingere con tutti i colori dell’arcobaleno e hanno amici immaginari con cui giocare.

Da neonati erano molto dormiglioni e, cresciuti, sono bambini che hanno bisogno di tante ore di sonno per ristorarsi.

Iniziano ad incontrare qualche difficoltà con le prime responsabilità della crescita, quando il loro ricco mondo interiore si scontra con la realtà esteriore. Infatti ai bimbi Clematis può risultare difficile adattarsi alla vita quotidiana e scolastica.

Sono capaci di ricreare un mondo immaginario dove possono vivere a modo loro per fuggire da una realtà poco attraente.

L’attitudine sognatrice li rende spesso distratti, dispersivi e poco concreti. A volte hanno anche scarsa memoria, soprattutto per i dettagli.
A scuola non riescono a seguire le lezioni, perdono facilmente la concentrazione, si dimenticano a casa libri e quaderni e, nonostante le capacità, fare i compiti per loro è una fatica immensa.

La stessa mancanza di interesse per il presente la si può riscontrare da adulti, se la condizione Clematis non è stata riequilibrata; tipicamente, le persone in squilibrio cercheranno di fuggire dalle incombenze pratiche, tenderanno a vivere nella confusione e nel disordine e spesso avranno problemi di stanchezza cronica.

Ad uno stato estremo, la condizione Clematis può portare all’apatia e alla disconnessione dal mondo.

Non a caso l’essenza è contenuta nel rimedio di emergenza, il Rescue Remedy, per la sua capacità di aiutare a riprendere i sensi in seguito a perdita di coscienza e annebbiamento. A proposito di annebbiamento, Clematis è stato utilizzato con ottimi risultati anche per problemi visivi. Sembra, infatti, ci sia una stretta correlazione tra la persona Clematis, che non vuole vedere la realtà, e la vista.

Tornando ai bimbi sognatori, la qualità positiva che fornisce l’essenza è la presenza. Il rimedio aiuta questi piccoli ad essere meno distratti e a integrarsi meglio con la realtà e i coetanei.

In particolare, permette di trasferire le energie creative nella vita quotidiana apportando immaginazione e buone idee a beneficio di se stessi e degli altri. Ad essere più concentrati e attenti alla realtà quotidiana.

Beatrice Castelli


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.