Accudire i bambini rispettando i loro bisogni, il libro a Firenze

Molte neomamme intente ad accudire i loro bambini assecondando le loro richieste di contatto (“vuole sempre stare in braccio“, “se lo poso piange”, “starebbe sempre a ciucciare”, “dorme solo se lo metto nel letto con me”) si sentono criticate – se non giudicate – dalle mamme più “esperte”.

Le loro mamme, per esempio, o le amiche che hanno bambini più grandi, o le vicine di casa, le zie, che non mancano di far notare “Guarda com’è bravo quel bimbo, che dorme nel suo lettino?”, “Guarda che brava quella mamma: lei non lo prende in braccio a ogni minimo accenno di pianto!”, “Ma così prende il vizio! Sempre addosso a te!”

Ti riconosci in questa “lotta” a chi è la mamma migliore? Ti è capitato di sentirti in colpa per aver soddisfatto sempre le richieste del tuo bambino?

Prendere in braccio, assecondare il bisogno di ciucciare, dormire insieme nel lettone sono bisogni imprescindibili del neonato, non vizi né “cattive abitudini”, come spesso si sente dire.

Per approfondire questi aspetti dell’accudimento dei bambini, e sfatare i pregiudizi legati all’alto contatto, Alessandra Bortolotti ti aspetta a Firenze con il suo bestseller E se poi prende il vizio?, venerdì 29 maggio, ore 17, presso la libreria Marabuk – Via Maragliano 29/e.

L’evento è gratuito.

Per tutte le info:

www.marabuk.it

info.marabuk@gmail.com

055360437


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.