Riflessioni sulla scuola dei nostri bambini, il libro a Omegna

Con la riapertura dell’anno scolastico si riaccende il dibattito e la riflessione sulla scuola dei nostri bambini.

Ci piace, questa scuola? Che cosa manca? Come la vorremmo? Ma soprattutto, come la vivono loro, i bambini?

Nel suo Un’altra scuola è possibile? l’autrice Sonia Coluccelli guarda con occhio critico la scuola convenzionale nella quale lei stessa opera come insegnante e formatrice per proporre in modo costruttivo – e creativo – un cambiamento che ci coinvolga tutti: operatori, genitori, alunni.

Ma che soprattutto non perda mai di vista l’aspetto più importante della scuola e dell’istruzione: i ragazzi, i loro bisogni e il loro potenziale di crescita e di apprendimento. Al di là degli schemi fissi e standardizzati, delle dinamiche ormai sclerotizzate del “maestro che parla” e dell'”alunno che ascolta”. L’uno alla lavagna a spiegare la lezione, assegnare compiti e verifiche, impartire voti, gli altri seduti al banco per ore, fermi e passivi.

E’ solo così che si può educare un bambino? E’ solo così che un bambino è in grado di apprendere?

La risposta è, ovviamente, no, e Sonia ce lo illustra attraverso le esperienze di alcuni pedagogisti che hanno lasciato un segno nella storia dell’educazione e della visione dell’infanzia – Maria Montessori, Don Milani, Mario Lodi – e proposte alternative alla scuola convenzionale, dalla scuola steineriana, alla senza zaino o alla scuola familiare.

Per parlare finalmente di una scuola più a misura di bambino Sonia Coluccelli ti dà appuntamento con il suo Un’altra scuola è possibile? a Omegna (Vb), venerdì 25 settembre, ore 18, presso la libreria Ubik, Via Manzoni 18.

L’ingresso è libero e non occorre prenotazione.


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento