Leggere insieme ai bambini: un “pieno” di benessere

Se ci dicessero che esiste sul mercato un gioco didattico o un qualche ausilio che migliora il linguaggio, l’attenzione, le capacità cognitive, facilita l’apprendimento della lettura e arricchisce le competenze scritte e orali, credo che la maggior parte dei genitori sarebbe disposta a spendere anche molto pur di procurarlo al proprio bambino. Ebbene, questo strumento dalle incredibili potenzialità esiste, ed è praticamente a costo zero. Si tratta della lettura condivisa, sin dai primi mesi di vita del bambino. Sia chiaro, noi non leggiamo con i nostri bambini per farli diventare più intelligenti. Noi leggiamo con i nostri bambini perché gli vogliamo bene. Ma forse ci farà piacere sapere che questa consuetudine, tanto semplice e piacevole, garantisce loro anche tanti benefici.

Il primo regalo offerto dalla lettura condivisa riguarda la relazione: i momenti trascorsi leggendo insieme sono preziosi per rinforzare il legame affettivo che unisce genitori e figli e per consolidare nel bambino la sensazione di essere amato. Momenti così preziosi, da restare nella memoria e nel cuore per sempre. Se provate a chiedere a delle persone adulte di rievocare qualche ricordo felice dei tempi dell’infanzia, molto probabilmente vi racconteranno di quando un genitore o un nonno narravano o leggevano fiabe e favole per loro. Per quanto riguarda i benefici a livello cognitivo, numerosi studi hanno dimostrato che sfogliare e leggere dei libretti con il proprio bimbo sin dal primo anno di vita, favorisce l’abitudine all’ascolto, sollecita immaginazione e curiosità e fa sì che pian piano i tempi di attenzione si allunghino. Ascoltando i racconti dell’adulto il linguaggio del bambino e la sua comprensione verbale si ampliano, grazie ai nuovi termini che vanno ad arricchire il suo vocabolario e la struttura sintattica delle frasi. Recenti studi hanno inoltre dimostrato un collegamento tra questa consuetudine e, raggiunta l’età scolare, un apprendimento più rapido e meno difficoltoso della lettura. La confidenza con il linguaggio letterario, più preciso rispetto al linguaggio parlato, e la dimestichezza con i ritmi narrativi che caratterizzano le storie lette dai genitori, in età scolare possono favorire anche la produzione scritta, aiutando il bambino a esprimere pensieri, descrivere e raccontare eventi, sviluppando dei testi ricchi e ben strutturati.

Non c’è che dire, leggere insieme è un gesto semplice e quotidiano con un potenziale enorme.

Concludiamo questa riflessione con una citazione tratta dal libro Me lo leggi?: “E, infine, ricordiamo uno degli aspetti forse più importanti: un bambino che muove i primi passi nel magico mondo dei libri accompagnato dai genitori, associa all’esperienza della lettura le sensazioni positive che ha vissuto con mamma e papà. Sedersi vicini e sfogliare un libro illustrato, osservare le immagini, indicare un particolare al proprio piccino e spiegargli il significato di un disegno. E poi, man mano che il bimbo cresce, leggere per lui dei brevi racconti, adatti alla sua età e alla sua capacità di comprendere. Quale modo migliore per far scoprire al proprio bambino la bellezza della lettura?”

Giorgia Cozza


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.