Allatto ancora il mio bambino di 2 anni e mezzo: riflessioni di una mamma

Mi chiamo Irene, ho un bambino di due anni e quattro mesi e allatto ancora.

Sembra la presentazione in un gruppo di Auto Mutuo Aiuto, in realtà sono semplicemente una mamma che nonostante la stanchezza dopo due anni di allattamento prolungato sceglie ogni giorno di aspettare che il proprio bimbo sia pronto.

« See! – mi dicono spesso- se aspetti sia lui a fare il primo passo a 18 anni ancora lo starai allattando! » io, rispondo timidamente che non ho mai visto un bambino grande chiedere di essere allattato così come non ho mai visto un adolescente dormire con i genitori.

Possibile che non si riesca a capire che il seno della mamma non è solo limitato alla semplice alimentazione ma è anche nutrimento dell’anima, porto sicuro dove sentirsi protetti quando si ha paura, quando si sta scoprendo il mondo e da una parte se n’è affascinati ma dall’altra si ha timore e allora eccola lì la mamma che è pronta ad accogliermi e calmarmi.

All’ultima visita ginecologica il medico, venuto a conoscenza della mia intenzione di non smettere di allattare, mi ha guardata con uno sguardo che difficilmente dimenticherò, una sorta di ghigno a metà strada tra compatimento e disgusto: «faccia la seria è ridicolo allattare un bambino di due anni, così lo vizia e la smetta tanto il suo latte oramai è acqua senza nessun valore nutritivo», avrei voluto piangere, che cosa sto facendo di sbagliato ho pensato, invece mi è venuta in mente una battuta letta su internet “se riuscissi a trasformare il latte in acqua sarei Dio”. Geniale.

Avrei voluto dire a quel ginecologo – a proposito non è fondamentale allattare per prevenire il tumore al seno? – continui ad occuparsi di anatomia che alla normalità ci penso io! Mi sono morsa le labbra, sono uscita da quello studio e non sono più tornata.

Qualche giorno fa mio figlio è venuto da me saltellando felice “mamma pipì!” meravigliata l’ho accompagnato in bagno ho tolto il pannolino, l’ho fatto sedere sul riduttore e ha fatto la sua prima pipì da allora ho capito che era pronto per un nuovo scatto di crescita, quindi abbiamo avviato lo spannolinamento in maniera serena, senza traumi, consci che era quello il momento giusto.

Non sono un medico né un’ostetrica sono una mamma che sta seguendo il suo istinto e che si ripete che sarà il mio bambino a decidere quando è giunta l’ora di smettere di essere allattato, senza pianti, senza traumi.

Mi dispiace quando sento mamme che, in un attimo di confidenza, si lasciano andare a qualche lacrimuccia ricordando quei momenti unici di intimità, sono giunta alla conclusione che quando ne la mamma ne il proprio bimbo sono pronti si rompa quell’equilibrio perfetto che c’è in natura e lì nascono i conflitti.

Ho sentito talmente tante volte la parola viziare in questi due anni che lo proporrei di diritto come ottavo tra i vizi capitali! E comunque anche se lo fosse sarebbe il più nobile, non credete?

Anni di lotta femminista non verranno cancellati se si è dirigenti donne di una multinazionale e quando si torna a casa si allatta il proprio bambino come una qualsiasi mamma, una cosa non esclude l’altra.

Vorrei confortare tutte le mamme come me che non c’è niente di sbagliato in quello che stiamo facendo anzi è un grande dono, di scrollarsi di dosso tutte le etichette che non esistono in natura, vorrei che si desse meno ascolto alla suocera e più a noi stesse che sappiamo perfettamente come si allatta, come si svezza un bambino e come si toglie il pannolino solo che non ce lo ricordiamo più e chiediamo a tutti!

Ognuno ha la sua esperienza e ogni mamma e nessun altro conosce il proprio bambino. Siate libere di scegliere..sempre!

Irene De Luca, blogger www.ilcarodolce.com


Potrebbero interessarti anche

4 risposte a “Allatto ancora il mio bambino di 2 anni e mezzo: riflessioni di una mamma”

  1. Bimbiuniverse scrive:

    io ti capisco e appoggio, mia figlia a fine luglio compirà tre anni e io la allatto ancora. La prima figlia l’ho allattata fino a 3 anni e 3 mesi e ho smesso solo perché incinta della mia seconda figlia. Ne sento anch’io un sacco di parole dalla gente che mi fanno male o che mi guardano con gli occhi fuori dalle orbite quasi stessi facendo del male a qualcuno, ma poi mi dico se a noi va bene così chi se ne frega dei commenti della gente!

  2. Riflessioni di una mamma che allatta ancora… – ilcarodolce scrive:

    […] http://www.bambinonaturale.it/2016/06/allatto-ancora-bimbo-di-due-anni-e-mezzo/ […]

    • Cinzia scrive:

      Sono la mamma di una bimba di due anni che allatto ancora felicemente!
      Che bello leggere queste parole! Scaldano il cuore!
      Sono profondamente convinta dell’importanza di questo gesto così bello, eppure i commenti della gente a volte ti fanno venire dubbi…
      Poi guardo mia figlia durante la poppata, la sua espressione beata e tutti i dubbi svaniscono!

  3. Elly scrive:

    Grazie per questa bella testimonianza!
    Anche io continuo ad allattare da 25 mesi e nessuno ha voglia di smettere. Mi chiedo solo, visto che sta dando segnali di spannolimento, come gestire le notti. Spannolinato solo di giorno? Al nido ho avuto la sensazione che mi dicessero “visto che è pronto a togliere il pannolino, togli prima la tetta cosi non lo ostacoli…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.