C’era una volta una neomamma e i libri del Bambino Naturale

C’era una volta una neomamma che amava tantissimo il proprio bambino. Lo accudiva dolcemente ogni giorno, e cercava di dedicargli quanto più tempo possibile, nonostante i tanti impegni quotidiani. I parenti e gli amici la circondavano con il loro calore, e tutti cercavano di darle degli utili consigli; spesso la neomamma era confusa e piena di dubbi, perché si sa, fare il genitore è il mestiere più difficile al mondo – Meglio usare il ciuccio oppure no? Il passeggino è poi così indispensabile? Qual è il modo migliore per crescere un figlio?

Un giorno un’amica le fece un regalo, un libro della collana “Il Bambino Naturale”. Era un vero e proprio manuale su come allevare il proprio bambino in modo semplice, senza comprare tutti quegli oggetti inutili di cui i piccoli non hanno realmente bisogno. “Fantastico!” pensò la neomamma, “Con Bebè a costo zero riuscirò sicuramente a risparmiare un bel po’ di soldini!

Nel pacco regalo c’era il catalogo della collana, e così le saltò agli occhi un titolo di cui aveva tanto sentito parlare: “Non sapevo che E se poi prende il vizio? facesse parte de “Il Bambino Naturale”!“. Ordinò subito il libro e lo lesse tutto d’un fiato. Pensò che fosse stupendo, e non mancò di recensirlo per noi:

Un libro che ormai consiglio a tutti: neomamme e non. Lo trovo completo perché analizza ogni aspetto (alimentazione, sonno, portare, ecc) in modo chiaro ed approfondito. Sicuramente ha cambiato il mio modo di vedere le cose giusto in tempo! Il più bel libro sulle cure ai piccini che sia passato da casa negli ultimi mesi! Parla col cuore al cuore delle mamme delle necessità reali e fisiologiche dei nostri bimbi senza falsi miti. Questa lettura mi ha rasserenata su tanti aspetti, non ultimo che la natura propone e dispone da maestra, e per questo il nostro istinto di mamme ed i bisogni dei nostri piccini sono in completa sintonia. Mai negare a noi stesse o ad altri questa meravigliosa verità! Grazie!

Ma non era finita qui: c’erano altri titoli de “Il Bambino Naturale” che attiravano la neomamma. Tra le novità del 2016, ad esempio, c’era Crescere i nostri figli, crescere noi stessi, un vero e proprio manuale che celebra l’amore come perno sul quale costruire la relazione con i bambini. E che dire di Mi fai una storia? La neomamma già si immaginava di inventare storie divertenti ricche di personaggi fantasiosi. E poi non vedeva l’ora di sfogliare un bell’albo illustrato insieme al suo piccolo, magari uno di quelli della collana “Leone Verde Piccoli”. Sono libri poetici e sorprendenti, come Casa Albero di Ilya Green, nel quale un piccolino nasce e va a cercare la mamma con il suo amico gattino.

Tutti i libri sono pensati per educare attraverso le immagini. “Vorrei che mio figlio imparasse a rispettare la natura!” pensava la neomamma, “Un libro come Il Tagliaboschi, senza testo ma con tante immagini, sarebbe perfetto per trasmettere a mio figlio i valori che anch’io condivido! Quando poi sarà un po’ più grande, potrò leggere con lui anche Alice salva il pianeta, in modo da insegnargli l’importanza della raccolta differenziata!

Non ci sono dubbi: per stimolare la fantasia dei più piccoli non c’è niente di meglio che una buona lettura condivisa con mamma e papà. Tra le novità del 2016 ci sono libri per tutti i gusti. Nella piccola biblioteca dei bambini che amano travestirsi per giocare e far volare la fantasia, non possono mancare Il vestito dei miei sogni e Una nuvola drago. Così come, per i più piccoli che devono imparare a usare le lettere, L’alfabeto del bambino naturale è indispensabile!

Se anche tu vuoi sfogliare i libri della nostra collana sulla genitorialità “Il Bambino Naturale” clicca qui.

Per vedere tutti i titoli delle collane per bambini, clicca qui.

Redazione


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.