Giorgia Cozza: “Aspettando Chiari, con grande emozione…”

Fiera del Bambino Naturale, l’appuntamento si avvicina.

La “mia” giornata a Chiari sarà la seconda. Io arriverò domenica mattina con la consueta emozione che scombussola la pancia al pensiero di parlare “in pubblico” e la consueta gioia di poter incontrare tanti genitori e confrontarmi con loro a proposito di quei temi che ci stanno più a cuore. I bisogni di un bimbo piccino, le esigenze di una neomamma che sta muovendo i suoi primi passi (meravigliosi e nuovi e stupiti e impegnativi) da madre, il ruolo importante del papà per sostenere, accudire, incoraggiare… E poi parleremo di acquisti sì, in un certo senso. E di prodotti, gadget e accessori per il bebè. Tematica vasta e interessante, che affronteremo a mezzogiorno in punto (vero che ce la fate a rimandare un poco il pranzo? ;)) durante l’incontro intitolato “Meno oggetti e più affetti. Accudire al meglio il nostro bambino” che si terrà nel suggestivo scenario di Villa Sala Zodiaco.

Come sempre partiremo da alcuni spunti di riflessione tratti dalle pagine del libro Bebè a costo zero, ma poi via libera a dubbi, domande e soprattutto condivisione di esperienze con tutti i genitori, nonni, futuri genitori presenti. Un’opportunità preziosa per scoprire nuovi punti di vista, ascoltare storie e vissuti diversi, e salutarci un po’ più “ricchi” di quando siamo arrivati.

Nel pomeriggio si cambia tematica e ci si concentra sull’attesa e sull’accoglienza di un nuovo bimbo in famiglia. Oggi quando si aspetta un fratellino i dubbi non mancano mai, ci si chiede come reagirà il primogenito, se sarà geloso, se soffrirà e come faremo noi a dedicare ad ogni bambino le giuste attenzioni, quando già con un figlio solo sembra difficile arrivare dappertutto. Ne parliamo sempre a Villa Sala Zodiaco alle 16, nell’incontro “Benvenuto fratellino. Favorire l’accoglienza del nuovo nato e la relazione tra fratelli”. Sono invitati anche i genitori con bambini più grandicelli perché ci confronteremo anche a proposito della relazione tra fratelli negli anni dell’infanzia, con tante idee per favorire (o anche solo non disturbare) l’intesa tra fratelli e sorelle.

Alle 17, un appuntamento speciale. Protagonisti sono infatti i bambini dai due anni in su (con mamma, papà, nonni, fratelli maggiori): leggeremo insieme la storia di una stellina un po’ speciale, una stellina simpatica e gentile, che era diversa dalle altre stelle, perché… Ebbene sì, ve lo dico, perché aveva paura del buio! Cosa strana – decisamente! – per una stella. Ma la nostra stellina era fatta così e non c’era verso che la mamma riuscisse a convincerla a restare un pochino sveglia per scoprire quante belle cose si sentono, si vedono, si annusano quando scende la notte. Ci troviamo per leggere insieme e magari confidarci se abbiamo anche noi un po’ paura del buio e alla sera non abbiamo mai voglia di andare a dormire, al primo piano della Villa, nella Sala Rodari.

Che dire… A rendere speciale una fiera del Bambino Naturale per me è l’opportunità di incontrare tante famiglie, di ritrovare volti noti e dare un volto a nomi noti con cui magari ci si è confrontati grazie al web. È l’opportunità di salutarsi “dal vero”, di stringersi la mano, di regalarsi un sorriso.

Io ci sono… Spero di incontrarvi. Con grande emozione.

Giorgia Cozza


Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.