Empatia e figli: la vera ricchezza di oggi, di domani e… di sempre!

Oggi più che mai sentiamo parlare di Empatia: la sua importanza nella nostra vita ha, infatti, un ruolo meravigliosamente magico e unico, forse perché è capace di rendere la nostra esistenza vera, sincera e sorprendentemente più felice.
L’empatia, ovvero quell’attitudine ad immedesimarsi negli altri senza giudizio né critica, rappresenta una delle ricchezze più grandi della nostra vita e dei nostri rapporti ed è per questo che è così importante donarla ai nostri figli, poiché costituisce una risorsa importantissima. Migliorare i rapporti tra parenti ed amici va a soddisfare il nostro bisogno innato di essere amati ed accettati, perché non esiste persona al mondo che non sia bisognosa di ricevere e dare amore.
Pensiamo adesso ai nostri figli: abbiamo donato loro la vita, la felicità (naturalmente innata in ogni bambino), li nutriamo nel miglior modo possibile, gli facciamo frequentare scuole, attività sportive che riteniamo indispensabili per la loro crescita, ma… il loro cuore? Come nutriamo il cuore e i sentimenti dei nostri figli?
Come ben sappiamo, nei primi mesi di vita il bambino impara a sintonizzarsi sui sentimenti e sugli stati d’animo della madre e poi, solo successivamente, su quelli delle altre persone. Tale procedimento innato porta il piccolo a sviluppare una sorta di benevola empatia, indispensabile per un suo corretto accrescimento psicofisico. Con il passare del tempo, però, saranno la famiglia, le esperienze vissute, le persone frequentate a costituire il nuovo bagaglio empatico del piccolo che cresce, sperimenta, si emoziona e vive.
Essere genitori è uno dei lavori più difficili al mondo e io che sono una mamma (x2) ne so qualcosa.
Quante volte giudichiamo senza volerlo i nostri figli… fin da piccoli, per poi proseguire con il passare degli anni. Non riusciamo a smettere di puntare il dito su ciò che amiamo di più al mondo… giudichiamo le loro scelte, i loro comportamenti, fino ad arrivare a pensare che il fatto che ragionino o si comportino in modo diverso da noi sia un problema! Ma se in tutto questo l’unico problema fosse proprio la mancanza di EMPATIA?
Leggendo, studiando e, successivamente, applicando quanto appreso con i miei figli e con la mia vita, ho capito che con il termine EMPATIA stiamo parlando di una grande opportunità… un’opportunità unica e irripetibile.
Insegnare, attraverso l’esempio, a rispettare le scelte degli altri senza giudizio, a non vergognarsi di vivere i sentimenti di fragilità e vulnerabilità, a cercare costantemente l’empatia negli altri, la gentilezza, gli stati positivi che, in gran parte delle persone che ci circondano, sono ampiamente presenti anche se, a volte, sapientemente nascoste, può aiutare noi e i nostri figli a vivere in modo più leggero, sereno e, perché no, meravigliosamente più libero!

Valentina Bruno. Scrittrice per il web, mamma instancabile (x2) e ideatrice di Crescere Felici – Educare alla vita con libertà e gioia.


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento