Problemi dermatologici e fiori di Bach

I problemi dermatologici sono molto frequenti nei bambini, anche nei più piccoli.

L’applicazione locale dei fiori di Bach è una modalità che si è sviluppata recentemente e che consente di ottenere ottimi risultati in totale sicurezza.

Non è comunque una novità assoluta; molti non sanno che Rescue Remedy, la miscela di emergenza, è disponibile anche nella versione in crema indicata per trattare situazioni di emergenza ben localizzate come contusioni, ustioni, distorsioni, punture di insetti; a tale scopo, rispetto alla formula in gocce, contiene in aggiunta Crab Apple che è l’antisettico del sistema floreale.

È però possibile creare delle formule più mirate.

Questo approccio è stato messo a punto dal medico spagnolo Ricardo Orozco; con questa modalità i rimedi non vengono scelti in funzione delle emozioni negative o delle caratteristiche di personalità, ma in funzione del Principio Transpersonale del fiore. Il Principio Transpersonale è l’essenza dell’essenza e permette di tradurre la forma in cui si manifesta il problema nel linguaggio floreale. Non sostituisce la forma tradizionale di scelta e prescrizione dei fiori, ma la integra.

Per esempio, il Principio Transpersonale di Vervain è l’espressione esagerata; l’applicazione locale dell’essenza porta sollievo in tutti i problemi di infiammazione acuta, aiutando a ridurre il calore, il gonfiore e il rossore. In campo dermatologico è da utilizzare nelle eruzioni improvvise, negli attacchi di orticaria, negli ascessi, nei foruncoli.

Vediamo quali sono i fiori più utili a livello dermatologico secondo il Principio Transpersonale e come si utilizzano.

Fiori di Bach per problemi dermatologici:

Agrimony

Per la tortura, per il prurito, il fastidio. Nelle orticarie, negli eczemi allergici, nei dolori di forte intensità, nell’herpes zoster.

Principio Transpersonale: tortura.

Beech

Se c’è ipersensibilità a livello locale, rifiuto, irritazione. Negli eczemi di origine allergica, nelle dermatiti da contatto, nelle orticarie.

Principio Transpersonale: intolleranza, irritazione.

Crab Apple

Se c’è la necessità di purificare. Per le eruzioni anche di tipo virale.

Principio Transpersonale: impurità, ostruzione.

Holly

Se c’è infiammazione acuta. Eruzioni cutanee di tipo allergico o infettivo. Per l’acne.

Principio Transpersonale: eruzione.

Hornbeam

Se la parte è fragile e indebolita. Per favorire la cicatrizzazione.

Principio Transpersonale: lassità, indebolimento puntuale.

Vervain

Per le infiammazioni acute, per l’estensione della lesione, per gli eritemi e il rossore. Negli ascessi, negli attacchi di orticaria, nei foruncoli.

Principio Transpersonale: espressione esagerata, irradiazione.

Star of Bethlehem

Se c’è stato un trauma. Per favorire la cicatrizzazione.

Principio Transpersonale: resistenza, trauma.

Willow

A livello dermatologico si usa per problemi cronici e per la ritenzione di liquidi. Per le infiammazioni di livello medio, per la psoriasi, per l’eczema cronico.

Principio Transpersonale: ritenzione, irritazione.

Come preparare la crema di Fiori di Bach?

Stabilite quali fiori di Bach sono più indicati al problema dermatologico da affrontare. Provate a farvi qualche domanda: il problema è acuto o cronico? Ha un’origine traumatica, infiammatoria, virale? Provoca dolore, irritazione, rossore o tortura?

Scegliete da due a quattro fiori, e in una crema base naturale aggiungete 1 goccia di essenza ogni 10 ml di crema. Per 100 ml bastano 7 gocce, per 500 ml circa 10 gocce. In alternativa alla crema è possibile usare gel di aloe vera, oppure semplice acqua applicata tramite compresse o vaporizzazione. Nei casi acuti, la frequenza di applicazione è alta, da 4 a 8 volte al giorno. In situazione estreme ogni ora. Nei casi cronici sono sufficienti 2 applicazioni di crema o gel al giorno, fino a 4 se il veicolo è acqua.


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento