Intervista a Beatrice Castelli e presentazione del nuovo libro “Crescere con i Fiori di Bach”

Cristiana Raggi, di Corsi Bologna intervista Beatrice Castelli, psicologa clinica e naturopata, che ci racconta del suo rapporto con i fiori di Bach e ci presenta il suo nuovo libro “Crescere con i fiori di Bach”.

D. Com’è stato il tuo incontro con i fiori di Bach?

R. Il mio incontro con i fiori di Bach non è stato un amore a prima vista! Ne sentii parlare per la prima volta tanti anni fa ma all’epoca non c’erano ancora molte informazioni e mi mancavano molti elementi per capirne il funzionamento e l’utilità. Li avevo anche provati perché un medico me li aveva suggeriti e selezionati “perché facevano bene” ma non avevo ben capito perché li stessi prendendo e non notai niente di particolare. Fu così che per anni non me ne interessai più.
Fu durante la mia formazione come naturopata che scoprii la portata dell’opera di Bach ed ebbi la possibilità di approfondire i suoi scritti e di sperimentare su di me i rimedi scegliendoli opportunamente.
La semplicità e l’efficacia del metodo mi lasciarono stupefatta!
Ben presto lo utilizzai anche sulle persone intorno a me, sui figli di amiche e conoscenti. In particolare, gli effetti sui neonati e i bambini erano sorprendenti, rapidissimi e da lasciare increduli anche i genitori. Fu così che, da allora, non smisi mai di approfondire e di applicare questo metodo di cura del corpo e dell’anima.

D. Ci puoi dire tre motivi specifici per cui usare i fiori di Bach sui bambini?

R. Di motivi ne avrei tantissimi! Cerco di focalizzarmi sui tre fondamentali.

1- Sicurezza. I fiori di Bach non hanno controindicazioni ed effetti collaterali. Possono essere usati anche da tutti (neonati, bambini, donne in gravidanza, anziani) e in qualunque stato di salute e condizione fisica.
2- Efficacia unica. I fiori di Bach sono un sistema unico nel loro genere. Andando ad agire sulla causa reale del problema, non si limitano ad alleviare il sintomo, ma agiscono in profondità e su più livelli: fisico, mentale, emozionale. In particolare, ci sono alcune difficoltà, tipiche dei bambini, come ad esempio le paure o i tic nervosi, che difficilmente si potrebbero risolvere in tempi così brevi e in profondità senza i rimedi floreali.
3- Rapidità. Soprattutto con i bambini, la terapia con i fiori di Bach agisce in modo molto rapido e gli effetti positivi si fanno sentire sempre nell’immediato. La durata totale della terapia può variare da qualche giorno, per problematiche acute, a qualche mese per problemi di lunga durata.

D. Com’è nato questo libro?

R. Ci sono tanti libri di floriterapia, pochissimi però sono quelli dedicati ai bambini e, soprattutto, non viene quasi mai spiegato come utilizzare i fiori di Bach in pratica, con quali criteri sceglierli, come impostare e proseguire una cura con i fiori. Per questi motivi, lo scopo che mi sono prefissata è stato quello di mettere i lettori nelle condizioni di utilizzare concretamente i fiori di Bach con i bambini in totale sicurezza.

D. Ci puoi dire, a grandi linee, come è strutturato il libro?

R. È suddiviso in due parti, una più teorica ed una più pratica.
La parte teorica contiene tutte le informazioni necessarie per utilizzare i fiori di Bach senza dubbi e incertezze. Per ognuno dei 38 rimedi di Bach troverete delle schede dettagliate per facilitare il riconoscimento degli stati emotivi negativi nei bambini; in particolare, per ogni fiore ho riportato: i sintomi chiave, le frase tipiche dei bambini, come reagiscono nei momenti di difficoltà, il loro potenziale positivo, le combinazioni più frequenti, la descrizione originaria di Bach. Inoltre, cosa rara nei libri di floriterapia, tutti i rimedi floreali sono illustrati dai bei disegni di Monica Mangini.
C’è poi la parte pratica, indispensabile per scegliere correttamente le essenze ed impostare e monitorare il trattamento con i fiori di Bach. A questo scopo troverete dei casi clinici, tratti dalla mia pratica professionale, e degli esempi sui cui esercitarvi; inoltre due schede pratiche vi aiuteranno ad applicare i procedimenti descritti ai vostri bambini.
In aggiunta, per facilitare la scelta dei rimedi, ho realizzato una sorta di prontuario, suddiviso per fasce di età e problematiche, con le essenze floreali che potrebbero essere più utili.
Ho pensato, poi, a due capitoli specifici su due temi che spesso vengono trascurati o dati per scontati: il trattamento dei neonati e i fiori di Bach utili ai genitori.
E, se tutto ciò non bastasse, sono disponibile a rispondere ad eventuali dubbi e domande dei nostri lettori!

D. Oggi qual è il tuo rapporto con i fiori di Bach?

R. I fiori di Bach rimangono uno degli strumenti che prediligo perché in qualunque contesto e situazione possono essere utili ed offrire un grande contributo. In particolare, continuo ad approfondire la ricerca in floriterapia e le sue applicazioni alle problematiche tipiche dei bambini, cercando di integrare questo metodo con la neuropsicologia dello sviluppo.
Oltre ai fiori di Bach, utilizzo spesso anche i fiori californiani e le più recenti essenze australiane. Inoltre, continuo a sperimentarli su me stessa e ad utilizzarli nei momenti di necessità!

D. A chi consiglieresti questo libro?

R. Sicuramente ai genitori che vogliono utilizzare i fiori di Bach con i loro bambini senza dubbi e senza il rischio di commettere errori, ma anche a tutti coloro che desiderano semplicemente conoscere il metodo originale di Bach e tutte le sue potenzialità e applicazioni nell’infanzia.
Il libro è utile sia per chi non ha nessuna conoscenza dei fiori di Bach, sia per chi già li conosce ma ha difficoltà a passare dalla teoria alla pratica, oppure per chi non ha esperienze di utilizzo con i bambini.

Ascolta l’intervista a Beatrice Castelli!


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento