Farmacie: è arrivato lo scontrino parlante


In base alle nuove norme, lo scontrino dovrà contenere indicazioni circa la natura del medicinale, la qualità, il numero di confezioni acquistate e – soprattutto – il codice fiscale del destinatario: in caso contrario, i farmaci non potranno essere detratti dalla dichiarazione IRPEF.

Per facilitare il compito del farmacista, si consiglia di portare con sé la propria tessera sanitaria, che permette la lettura automatizzata del codice fiscale. Chi non avesse ancora ricevuto la tessera sanitaria, o l’avesse smarrita, può rivolgersi al numero verde 800030070 appositamente istituito dall’Agenzia delle entrate.


Potrebbero interessarti anche